Categorie
Notizie

L’Irish Beef secondo Simone Rugiati

Per San Patrizio cimentati con una deliziosa ricetta usando l’Irish Beef, seguendo i consigli di Simone Rugiati, Ambassador della carne di manzo irlandese in Italia. Porta un po’ di isola di smeraldo sulla tua tavola con Bord Bia!

 

Categorie
Irlanda

La challenge della polizia irlandese sulle note di Jerusalema

[av_textblock size=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” font_color=” color=” id=” custom_class=” av_uid=’av-kkw8rc9g’ admin_preview_bg=”]
Il simpatico video condiviso dalla polizia irlandese Gardaí impegnata a ballare Jerusalema, il singolo del produttore discografico sudafricano Master KG che ha conquistato il mondo. Gli agenti, rigorosamente in divisa, si mettono alla prova con una challenge davvero unica e singolare del brano cantato in lingua venda dalla cantante sudafricana Nomcebo Zikod.
[/av_textblock]

[av_video src=’https://www.youtube.com/watch?v=yj23_Z6UECk’ mobile_image=” attachment=” attachment_size=” format=’16-9′ width=’16’ height=’9′ conditional_play=” id=” custom_class=” av_uid=’av-kkw7pn4e’]

Categorie
Sport

UFC: KO per Conor McGregor, vince Dustin Poirier

Dopo aver annunciato via Twitter il proprio ritiro per la terza volta, senza destare clamore tra i fan, il campione di MMA irlandese Conor McGregor ha deciso di rimettersi i guantoni e tornare nell’ottagono contro Dustin Poirier. Quasi una sfida con la vita per Conor, finita a favore dell’americano al secondo round.

L’incontro sì è consumato il 24 gennaio 2021, nell’ambito di Ultimate Fight Championship (UFC) 257, e non ha assegnato alcun titolo. Mcgregor (32 anni, 22 vittorie e 4 sconfitte), ora cinque, ha voluto di nuovo affrontare Dustin Poirier (record personale 26-6-0 (1NC)), per concedere una rivincita inaspettata. L’incontro scorso era finito al primo round per Technical Knock Out (TKO), questa sfida, invece, ha ribaltato tutto al secondo round. Conor ha fatto i conti con la realtà, finendo KO per la prima volta in carriera. Il secondo round è stato fatale, mentre lo statunitense ha dato grande prova di sé mostrando tutta la sua abilità negli scambi in piedi.

Lo scorso 18 gennaio 2020, Conor vinse contro Donal Cerrone, al suo ritorno dopo oltre un anno di inattività. Questo faceva immaginare un finale differente. Così non è stato.

(MV)

Categorie
Musica

Wooden Legs presenta “Animali”: extreme irish music

[av_textblock size=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” font_color=” color=” id=” custom_class=” av_uid=’av-84jnasr’ admin_preview_bg=”]
La band triestina di musica irlandese Wooden Legs ha annunciato l’uscita del terzo lavoro in studio. L’album “Animali”, sintesi del percorso musicale degli ultimi anni, raccoglie undici tracce tra arrangiamenti di brani tradizionali e composizioni originali.

Per tenere fede e per consolidare la definizione di extreme irish music che oramai contraddistingue il gruppo fin dai suoi esordi, il disco lascia spazio a una sezione ritmica energica e presente per ottenere un sound aggressivo rispetto a quello folk dei dischi precedenti, pur senza mai lasciare in secondo piano gli strumenti solistici e la ricerca sul genere irlandese tradizionale.

Animali, registrato in Slovenia presso lo studio Jork, vede alla chitarra e alla voce Giovanni Settimo, ai flauti Alice Porro, al violino Sebastiano Frattini, al basso Michele Blasina, alla batteria e alle percussioni Anselmo Luisi con la preziosa partecipazione di Marko Jugovic. Animali raccoglia anche un brano del compositore triestino Davide Coppola. L’artwork è stato curato da Blaž Kemperle.
[/av_textblock]

[av_image src=’https://blog.irlandaonline.com/wp-content/uploads/2020/03/Wooden-Legs-Animali.jpg’ attachment=’123181′ attachment_size=’full’ copyright=” caption=” styling=” align=’center’ font_size=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ animation=’no-animation’ hover=” appearance=” link=” target=” id=” custom_class=” av_element_hidden_in_editor=’0′ av_uid=’av-k7vlkzga’ admin_preview_bg=”][/av_image]

[av_heading heading=’WOODEN LEGS – Animali (2020)’ tag=’h2′ link=” link_target=” style=’blockquote modern-quote’ size=’40’ subheading_active=” subheading_size=’15’ margin=” padding=’0′ color=’custom-color-heading’ custom_font=’#000000′ custom_class=” id=” admin_preview_bg=” av-desktop-hide=” av-medium-hide=” av-small-hide=” av-mini-hide=” av-medium-font-size-title=” av-small-font-size-title=” av-mini-font-size-title=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=”][/av_heading]

[av_textblock size=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” font_color=” color=” id=” custom_class=” av_uid=’av-84jnasr’ admin_preview_bg=”]
Il titolo Animali è stato scelto dai Wooden Legs perché le idee musicali sono immediate, fresche e istintive e vogliono arrivare all’ascoltatore come lo sguardo delle bestie in copertina, non tenere, non rassicuranti, ma dirette e sincere. In più, nei brani c’è un costante riferimento alla fauna più variegata: un castoro gigante (Big Beaver), un lama zoppo (Lame is the dancing llama), una balena di legno, pecore che volano, piccioni, topi, cavalli e altri ancora. Il disco è stato presentato con un concerto presso il teatro di Herpelje, in Slovenia, lo scorso mese.
[/av_textblock]

[av_video src=’https://www.youtube.com/watch?v=DQdpn5bl8YY’ mobile_image=’https://blog.irlandaonline.com/wp-content/uploads/2020/03/Wooden-Legs-Animali.jpg’ attachment=’123181′ attachment_size=’full’ format=’16-9′ width=’16’ height=’9′ conditional_play=” id=” custom_class=” av_uid=’av-k7viwego’]

Categorie
Libri Irlanda

I racconti di Rainwater Pond

[av_textblock size=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” font_color=” color=” id=” custom_class=” av_uid=’av-k7ptmq35′ admin_preview_bg=”]
È uscito per la casa editrice indipendente Battaglia Edizioni ha pubblicato il libro I racconti di Rainwater Pond dell’irlandese Billy Roche: per la prima volta tradotto in italiano, con una bellissima introduzione di un altro autore irlandese di fama mondiale come John Banville, grande estimatore della prosa di Roche.

I racconti di Rainwater Pond, titolo originale Tales from Rainwater Pond, è costruito in dodici racconti, ambientati nell’area intorno allo stagno di Rainwater, nel sudest dell’Irlanda. Un paesaggio di campagna con cottage sparsi nei campi, un villaggio che è niente più che un accumulo di case tra il verde dei pascoli e la città di Waterford in lontananza.

Qui tutti i personaggi si conoscono e frequentano gli stessi posti, come il Banjo Bar o la sala da ballo, tutti si sono tuffati almeno una volta nelle torbide acque dello stagno, e molti di loro sono fuggiti per qualche ora d’amore su Useless Island. Così le vite dei residenti e dei viandanti in transito innescano un interessante gioco di intrecci e riconoscimenti.
[/av_textblock]

[av_one_full first min_height=” vertical_alignment=” space=” row_boxshadow=” row_boxshadow_color=” row_boxshadow_width=’10’ custom_margin=” margin=’0px’ mobile_breaking=” border=” border_color=” radius=’0px’ padding=’0px’ column_boxshadow=” column_boxshadow_color=” column_boxshadow_width=’10’ background=’bg_color’ background_color=” background_gradient_color1=” background_gradient_color2=” background_gradient_direction=’vertical’ src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ highlight=” highlight_size=” animation=” link=” linktarget=” link_hover=” title_attr=” alt_attr=” mobile_display=” id=” custom_class=” aria_label=” av_uid=’av-d1nic29′]
[av_heading heading=’Tales from Rainwater Pond’ tag=’h2′ link=” link_target=” style=’blockquote modern-quote’ size=” subheading_active=’subheading_above’ subheading_size=’15’ margin=” padding=’10’ color=” custom_font=” custom_class=” id=” admin_preview_bg=” av-desktop-hide=” av-medium-hide=” av-small-hide=” av-mini-hide=” av-medium-font-size-title=” av-small-font-size-title=” av-mini-font-size-title=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” av_uid=’av-4okb81′]
Titolo originale
[/av_heading]

[av_image src=’https://blog.irlandaonline.com/wp-content/uploads/2020/03/I-racconti-di-Rainwater-Pond.jpg’ attachment=’123155′ attachment_size=’full’ copyright=” caption=” styling=” align=’center’ font_size=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ animation=’no-animation’ hover=” appearance=’on-hover’ link=” target=” id=” custom_class=” av_element_hidden_in_editor=’0′ av_uid=’av-k7ptn6wy’ admin_preview_bg=”]
La copertina flessibile
[/av_image]

[av_textblock size=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” font_color=” color=” id=” custom_class=” av_uid=’av-k7ptmq35′ admin_preview_bg=”]
“Lo stagno di Rainwater Pond era un luogo oscuro e insidioso, potevi lanciarci una monetina e guardarla cadere, tornare a casa, prendere il tè, andare al cinema, tornare un’altra volta a casa, andare a letto, dormire, sognare, svegliarti, tornare al lavoro o a scuola, o dove ti pareva, e quella monetina era ancora lì che si inabissava mentre rientravi a casa per la cena”.

Nell’opera, paragonabile a uno Spoon River (di Edgar Lee Masters) dei giorni nostri, scritta in prosa, con uno stile caustico, reale e ricco di ironia, l’obiettivo di Billy Roche è descrivere la vita umana in modo bucolico e divertente al tempo stesso, raccontando le vicende di un piccolo microcosmo anti-metropolitano.
[/av_textblock]
[/av_one_full]

[av_one_full first min_height=” vertical_alignment=” space=” row_boxshadow=” row_boxshadow_color=” row_boxshadow_width=’10’ custom_margin=” margin=’0px’ mobile_breaking=” border=” border_color=” radius=’0px’ padding=’0px’ column_boxshadow=” column_boxshadow_color=” column_boxshadow_width=’10’ background=’bg_color’ background_color=” background_gradient_color1=” background_gradient_color2=” background_gradient_direction=’vertical’ src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ highlight=” highlight_size=” animation=” link=” linktarget=” link_hover=” title_attr=” alt_attr=” mobile_display=” id=” custom_class=” aria_label=” av_uid=’av-5gn2lqp’]
[av_heading heading=’Acquista il libro di Billy Roche’ tag=’h2′ link=” link_target=” style=’blockquote modern-quote’ size=” subheading_active=” subheading_size=’15’ margin=” padding=’10’ color=” custom_font=” custom_class=” id=” admin_preview_bg=” av-desktop-hide=” av-medium-hide=” av-small-hide=” av-mini-hide=” av-medium-font-size-title=” av-small-font-size-title=” av-mini-font-size-title=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” av_uid=’av-6xxyogh’][/av_heading]
[/av_one_full]

[av_textblock size=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” font_color=” color=” id=” custom_class=” av_uid=’av-k7ptmq35′ admin_preview_bg=”]
Attraverso uno stile caustico, reale e ricco di ironia, l’autore descrive la vita umana attraverso le vicende di un microcosmo antimetropolitano. I racconti di Rainwater Pond (306 p.) pubblicato da Battaglia Edizioni e tradotto da Beatrice Masi è disponibile online o in qualsiasi libreria.
[/av_textblock]

[av_codeblock wrapper_element=” wrapper_element_attributes=” codeblock_type=” alb_description=” id=” custom_class=” av_uid=’av-k98xajud’]

[/av_codeblock]

[av_heading heading=’Dettagli prodotto’ tag=’h3′ link=” link_target=” style=’blockquote modern-quote’ size=” subheading_active=” subheading_size=’15’ margin=” padding=’10’ color=” custom_font=” custom_class=” id=” admin_preview_bg=” av-desktop-hide=” av-medium-hide=” av-small-hide=” av-mini-hide=” av-medium-font-size-title=” av-small-font-size-title=” av-mini-font-size-title=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=”][/av_heading]

[av_one_half first min_height=” vertical_alignment=” space=” row_boxshadow=” row_boxshadow_color=” row_boxshadow_width=’10’ custom_margin=” margin=’0px’ mobile_breaking=” border=” border_color=” radius=’0px’ padding=’0px’ column_boxshadow=” column_boxshadow_color=” column_boxshadow_width=’10’ background=’bg_color’ background_color=” background_gradient_color1=” background_gradient_color2=” background_gradient_direction=’vertical’ src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ highlight=” highlight_size=” animation=” link=” linktarget=” link_hover=” title_attr=” alt_attr=” mobile_display=” id=” custom_class=” aria_label=” av_uid=’av-c2a053l’]
[av_textblock size=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” font_color=” color=” id=” custom_class=” av_uid=’av-k7ptmq35′ admin_preview_bg=”]

  • Copertina flessibile: 306 pagine
  • Editore: Battaglia (5 dicembre 2019)
  • Collana: I Fuoriserie
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8894408124
  • ISBN-13: 978-8894408126
  • Peso di spedizione: 259 g

[/av_textblock]
[/av_one_half]

[av_one_half min_height=” vertical_alignment=” space=” row_boxshadow=” row_boxshadow_color=” row_boxshadow_width=’10’ custom_margin=” margin=’0px’ mobile_breaking=” border=” border_color=” radius=’0px’ padding=’0px’ column_boxshadow=” column_boxshadow_color=” column_boxshadow_width=’10’ background=’bg_color’ background_color=” background_gradient_color1=” background_gradient_color2=” background_gradient_direction=’vertical’ src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ highlight=” highlight_size=” animation=” link=” linktarget=” link_hover=” title_attr=” alt_attr=” mobile_display=” id=” custom_class=” aria_label=” av_uid=’av-8qwlcnl’]
[av_codeblock wrapper_element=” wrapper_element_attributes=” codeblock_type=” alb_description=” id=” custom_class=” av_uid=’av-k7ptvfyt’]

[/av_codeblock]
[/av_one_half]

Categorie
Eventi

Irish Fest Milano 2020 al Carroponte

[av_textblock size=” font_color=” color=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” av_uid=’av-k64uhpag’ custom_class=” admin_preview_bg=”]
In occasione della Festa di San Patrizio, Milano si tinge di verde con l’Irish Fest Milano 2020 al Carroponte. Un appuntamento da non perdere in programma dal 13 al 17 Marzo a Sesto San Giovanni, quattro giorni di festa per accompagnarci al San Patrick Day del 17 Marzo.

Forti del successo dello scorso anno, quando nella tre giorni Irish attraversarono il Carroponte oltre 15 mila persone, anche quest’anno lo splendido spazio della metropoli milanese offrirà un festival dedicato all’Irlanda unico per Milano: attività legate alla cultura, alla musica, alla birra e al cibo tipico Irlandese saranno il collante per 4 giorni in cui gli appassionati di Irlanda potranno immergersi in una sorta di enclave Irish mentre neofiti e curiosi potranno avvicinarsi a questa cultura, sperimentarne cibi e birre e magari imparare qualche passo di danze celtiche o le regole del rugby.

Cuore pulsante dell’Irish Fest Milano 2020 al Carroponte, ogni sera sono previsti spettacoli artistici e culturali, a partire dalla musica che nella tradizione è fondamentale in epoca antica e moderna. “Il suono malinconico della musica popolare irlandese ha la sua origine nei popoli celtici dei secoli XVIII e XIX, associati a danze frenetiche, a canti intensi ed eseguiti con strumenti classici come il violino, la cornamusa e la chitarra. In Irlanda la musica è onnipresente, in ogni angolo, in ogni pub, è l’unico paese in cui il simbolo nazionale è uno strumento musicale (l’arpa)”.
[/av_textblock]

[av_one_full first min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ row_boxshadow=” row_boxshadow_color=” row_boxshadow_width=’10’ link=” linktarget=” link_hover=” title_attr=” alt_attr=” padding=’0px’ highlight=” highlight_size=” border=” border_color=” radius=’0px’ column_boxshadow=” column_boxshadow_color=” column_boxshadow_width=’10’ background=’bg_color’ background_color=” background_gradient_color1=” background_gradient_color2=” background_gradient_direction=’vertical’ src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=” mobile_breaking=” mobile_display=” av_uid=’av-dfm06m3′]

[av_heading heading=’Irish Fest Milano 2020′ tag=’h2′ link_apply=” link=’manually,http://’ link_target=” style=’blockquote modern-quote’ size=” subheading_active=’subheading_below’ subheading_size=’15’ margin=” padding=’10’ color=” custom_font=” custom_class=” admin_preview_bg=” av-desktop-hide=” av-medium-hide=” av-small-hide=” av-mini-hide=” av-medium-font-size-title=” av-small-font-size-title=” av-mini-font-size-title=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=”]
13-17 marzo 2020
[/av_heading]

[av_image src=’https://blog.irlandaonline.com/wp-content/uploads/2020/02/Irish-Fest-Milano-2020.jpg’ attachment=’123135′ attachment_size=’full’ align=’center’ styling=” hover=” link=” target=” caption=” font_size=” appearance=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ copyright=” animation=’no-animation’ av_uid=’av-k64uov1a’ custom_class=” admin_preview_bg=”][/av_image]

[av_textblock size=” font_color=” color=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” av_uid=’av-k64uiwyn’ custom_class=” admin_preview_bg=”]
L’influenza della musica tradizionale irlandese è enorme in tutto il mondo. Da questa isola sono nate grandi figure della storia musicale contemporanea: il talentuoso Van Morrison, U2, Thin Lizzy o The Cranberries. La prima band che annunciamo sarà quella che avrà l’onore di chiudere la festa e di esibirsi proprio il 17, giorno di San Patrizio.

Saranno infatti The Cloverhearts gruppo che raccoglie la tradizione celtica e la rilancia in chiave rock’n’roll e punk, il loro EP è in uscita in questi giorni (The Scared Ep). Cinque elementi capitanati dall’australiano Sam Cooper che presenta così lo show: “Energia, riff di cornamusa incalzanti , amore per la musica tradizionale irlandese e passione per il punk rock. Questi gli elementi che danno vita ai nostri concerti”.

Come ogni evento che omaggia le culture tradizionali in terre straniere, in questo caso l’Italia, non potranno mancare i piatti tipici con ricette di mare e di terra e soprattutto le birre, ovviamente la Guinness la fará da padrona, seguita da Kilkenny e chissà da quali altri marchi e prelibatezze.
[/av_textblock]

[/av_one_full][av_one_full first min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ row_boxshadow=” row_boxshadow_color=” row_boxshadow_width=’10’ link=” linktarget=” link_hover=” title_attr=” alt_attr=” padding=’0px’ highlight=” highlight_size=” border=” border_color=” radius=’0px’ column_boxshadow=” column_boxshadow_color=” column_boxshadow_width=’10’ background=’bg_color’ background_color=” background_gradient_color1=” background_gradient_color2=” background_gradient_direction=’vertical’ src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=” mobile_breaking=” mobile_display=” av_uid=’av-dfm06m3′]

[av_heading heading=’Danze e stage gratuiti’ tag=’h2′ link_apply=” link=’manually,http://’ link_target=” style=’blockquote modern-quote’ size=” subheading_active=’subheading_below’ subheading_size=’15’ margin=” padding=’10’ color=” custom_font=” custom_class=” admin_preview_bg=” av-desktop-hide=” av-medium-hide=” av-small-hide=” av-mini-hide=” av-medium-font-size-title=” av-small-font-size-title=” av-mini-font-size-title=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=”]
14 e 15 marzo 2020
[/av_heading]

[av_image src=’https://blog.irlandaonline.com/wp-content/uploads/2020/02/danze-stage-carroponte.jpg’ attachment=’123140′ attachment_size=’full’ align=’center’ styling=” hover=” link=” target=” caption=” font_size=” appearance=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ copyright=” animation=’no-animation’ av_uid=’av-k64uov1a’ custom_class=” admin_preview_bg=”][/av_image]

[av_textblock size=” font_color=” color=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” av_uid=’av-k64uiwyn’ custom_class=” admin_preview_bg=”]
Sabato 14 e Domenica 15 all’Irish Fest Milano 2020 al Carroponte si terranno – organizzati da Tara Dance Academy e totalmente gratuiti – dei workshop e stage di danza Irlandese con esibizione ed animazione di ballerini, il tutto supervisionato da un insegnante certificato dalla commissione irlandese An Coimisiun le Rince Gaelacha

Tara Dance Academy nasce per volontà dei fondatori Esther Bromley (campionessa di danza irlandese della Clifford Academy) e Biagio Mineo, entrambi membri attivi del Regional Council per l’Europa Continentale & Asia. La Tara Academy è affiliata alla commissione irlandese An Coimisiun le Rinci Gaelica “con 5 insegnanti certificati ufficialmente ed è aperta a tutti coloro che vogliono imparare e divertirsi in questa bellissima espressione di danza.

Parallelamente ai corsi e stage in tutto il nord Italia, Esther e Biagio hanno sviluppato il ramo artistico della tara school, la Tara Dance Company, collaborando con svariati musicisti, sia italiani” che stranieri. Da oltre 20 anni la Tara Dance Company ha fatto performance nei più importanti festival celtici, nei teatri e nelle piazze sia italiane che estere.
[/av_textblock]

[/av_one_full][av_one_full first min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ row_boxshadow=” row_boxshadow_color=” row_boxshadow_width=’10’ link=” linktarget=” link_hover=” title_attr=” alt_attr=” padding=’0px’ highlight=” highlight_size=” border=” border_color=” radius=’0px’ column_boxshadow=” column_boxshadow_color=” column_boxshadow_width=’10’ background=’bg_color’ background_color=” background_gradient_color1=” background_gradient_color2=” background_gradient_direction=’vertical’ src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=” mobile_breaking=” mobile_display=” av_uid=’av-7epo7uj’]
[av_heading heading=’Date e orari’ tag=’h2′ link_apply=” link=’manually,http://’ link_target=” style=’blockquote modern-quote’ size=” subheading_active=” subheading_size=’15’ margin=” margin_sync=’true’ padding=’10’ color=” custom_font=” av-medium-font-size-title=” av-small-font-size-title=” av-mini-font-size-title=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” av_uid=’av-k64uilvq’ custom_class=” admin_preview_bg=”][/av_heading]

[av_textblock size=” font_color=” color=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” av_uid=’av-k64uiwyn’ custom_class=” admin_preview_bg=”]
Un festival di 4 giorni (con un riposo previsto per Lunedì 16) in cui ci sarà spazio anche per attività dedicate a bambine e bambini, giochi, curiosità, artigianato arricchiranno il villaggio dell’Irish Fest Milano 2020 al Carroponte.

  • venerdì 13 marzo dalle 18:00
  • sabato 14 marzo dalle 12:00
  • domenica 15 marzo dalle 12:00
  • martedì 17 marzo dalle 18.00

[/av_textblock]
[/av_one_full]

Categorie
Irlanda

6000 Sardine a Dublino: anche in Irlanda il Global Sardina Day

Dopo aver invaso le piazze d’Italia, Il Movimento Sardine arriva a Dublino: l’appuntamento è a Leister House, Kildare Street a Dublino sabato 14 dicembre 2019 alle ore 3pm. Diffondiamo il comunicato stampa.

6000 Sardine Dublino è lieta di comunicare che il Global Sardine Day arriva a Dublino. Il Global Sardine Day è un Flash Mob organizzato contemporaneamente in 25 città tra cui Roma, Berlino, Parigi, Dublino, Londra, San Francisco, Edimburgo, Amsterdam, Madrid, Helsinki.

Il Movimento 6000 Sardine è nato il 14 novembre, quando quattro attivisti di Bologna hanno organizzato un Flash Mob contro la politica dell’odio e il populismo. Migliaia di persone si sono radunate nella Piazza Maggiore di Bologna portando “sardine” autoprodotte e cantando la canzone antifascista Bella Ciao, diventando un movimento di protesta di base che sta prendendo di mira il segretario della Lega, Matteo Salvini.

 

Movimento 6000 Sardine arriva a Dublino

Spontaneamente sono state organizzate decine di manifestazioni negli ultimi 20 giorni in Italia e all’estero. Invece dei soliti striscioni di gruppi politici, i manifestanti utilizzano rappresentazioni grafiche di sardine. Nella carta dei valori del movimento si parla di arte, empatia, bellezza, nonviolenza, gratuità, creatività, inclusività e ascolto come antidoti alle fake news, all’odio verso il prossimo e al populismo. Si invita alla razionalità, al pensiero critico e al mondo reale in contrapposizione al mondo virtuale dei social media e al pensiero unico.

 

La coordinatrice di 6000 Sardine Dublino a Dublino Veronica Vierin ha dichiarato: “È ora di agire e ora siamo svegli! Partecipiamo tutti insieme, con il nostro corpo, mente, cuore e la nostra energia creativa. ”

 

6000 Sardine Dublino si unirà a un evento organizzato dal Irish anti-racist network, che organizza lo stesso giorno “Rally for Peace on Earth – Against the Politics of Hatred”.

Categorie
Eventi

Tricesimo, Teatro Garzoni: concerto Irish Christmas

Fra i concerti di musica celtica realizzati annualmente in regione da Folk Club Buttrio, di certo quello di dicembre è il più ricco di stelle. Il 23° Guinness Irish Christmas Festival non farà eccezione, perché mercoledì 4 dicembre alle 20.45 saliranno sul palco del Teatro Garzoni di Tricesimo, in provincia di Udine, artisti di prima fascia in arrivo da Scozia e Irlanda in un tripudio di cornamuse, ballate, eleganza, brividi e capacità di coinvolgimento senza pari.

Ci sarà il cantautore Paul McKenna, così bravo da essere considerato l’erede del mitico Dick Gaughan; ci saranno le Friel Sisters, fra le più gettonate della scena trad e chiuderanno gli spettacolari Breabach, forti di ben due cornamuse scozzesi in organico.

Il tour del ‘Natale Irlandese’ avrà una sola data italiana, quella di Tricesimo, realizzata in collaborazione con il Comune; informazioni e prenotazioni (interi 20 euro, ridotti 17 per under 25 e tricesimani) al 348-8138003 e info@folkclubbuttrio.it.

Guinness Irish Christmas a Teatro “Garzoni”, Tricesimo

La famiglia McKenna emigrò in Scozia negli anni ’50 dal Donegal e a Glasgow Paul è nato, cresciuto ed ha appreso le ballate senza tempo della Scozia. Le sue canzoni sono parte integrante del repertorio di tante band ed è diventato un portavoce dei sentimenti che animano gli scozzesi, tra voglia di indipendenza, Brexit e disoccupazione. Dopo cinque splendidi cd, ora è uscita la sesta perla, “Breathe”.

Per la grande disoccupazione, la giovane coppia Friel emigrò dall’Irlanda in Scozia negli anni ’70. L’educazione familiare e tutto il repertorio delle tre sorelle (flauti, violino, uillean pipes e voci), nate a Glasgow, si radicano nei Gaeltacht Donegals (gaelico del Donegal); sono state gruppo spalla per i grandi d’Irlanda, dai Lunasa, agli Altan e ai Chieftains e dell’anno scorso è il secondo cd “Before The Sun”. Con loro il cantante-chitarrista Martin Barry.

Undici anni fa i Breabach furono accolti come “la nuova grande speranza della Scozia”, oggi sono definiti il “Supergruppo della Scozia”. Come top act ai festival WOMAD di Peter Gabriel in Australia, USA, Canada e Asia, sono sempre salutati come la “band più dinamica delle Isole Britanniche”. I brani arrangiati dai due piper, le ballate per voce, violino e contrabbasso o i passi di ballo gaelico creano un tappeto sonoro di rara bellezza e l’atmosfera che sanno creare è veramnte da brividi. In carriera hanno raggiunto tutto ciò per cui altre band hanno bisogno di almeno 30 anni per arrivarci: premi, vendite, recensioni: per la rivista Songlines la band è “esaltante, energica e matura, un piacere raro e bello”.

[comunicato stampa]

Categorie
Lavoro

Dawn Meats cerca gente: i colloqui a Lecce

[av_textblock size=” font_color=” color=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” av_uid=’av-k3kjmspv’ custom_class=” admin_preview_bg=”]
EURES Puglia ha annunciato colloqui per reclutare personale per Dawn Meats Ireland, azienda leader nel settore agro-alimentare, con diverse sedi in tutto il mondo, specializzata nella lavorazione delle carni.

Chi fosse interessato potrà presentarsi il prossimo 4 dicembre 2019, alle ore 9.30, presso la sede della Regione Puglia di viale Aldo Moro a Lecce. La giornata prevede la presentazione del gruppo Dawn Meats Ireland e del progetto Your First EURES Job.

A seguire ci saranno dei colloqui individuali, della durata di 20-30 minuti circa, per conoscere le motivazioni ed eventuali competenze già possedute nel settore di riferimento. L’incontro prevede l’assistenza linguistica di un interprete.
[/av_textblock]

[av_heading heading=’Dawn Meats cerca 30 addetti alla lavorazione carni’ tag=’h2′ link_apply=” link=’manually,http://’ link_target=” style=” size=” subheading_active=” subheading_size=’15’ margin=” padding=’10’ color=” custom_font=” custom_class=” admin_preview_bg=” av-desktop-hide=” av-medium-hide=” av-small-hide=” av-mini-hide=” av-medium-font-size-title=” av-small-font-size-title=” av-mini-font-size-title=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=”][/av_heading]

[av_image src=’https://blog.irlandaonline.com/wp-content/uploads/2019/11/dawn-meats.jpg’ attachment=’123101′ attachment_size=’full’ align=’center’ styling=” hover=” link=” target=” caption=” font_size=” appearance=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ copyright=” animation=’no-animation’ av_uid=’av-k3kk8fw5′ custom_class=” admin_preview_bg=”][/av_image]

[av_textblock size=” font_color=” color=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” av_uid=’av-k3kjmspv’ custom_class=” admin_preview_bg=”]

  • ore 9.30 Presentazione azienda DAWN MEATS (traduzione simultanea in italiano)
  • ore 10.15 Progetto Your First EURES Job e supporto alla mobilità
  • ore 10.40 Inizio colloqui individuali

Si chiede di:

  • Confermare la propria presenza, rispondendo alla mail ricevuta
  • Registrarsi sulla piattaforma:http://www.yourfirsteuresjob.eu/it/home
    La registrazione sulla suddetta piattaforma permetterà di avere il rimborso delle spese sostenute per il colloquio (se residenza superiore a 50 km dal luogo di svolgimento del colloquio).
  • Presentarsi al colloquio con una copia del curriculum in italiano ed in inglese (firmato e recante autorizzazione trattamento dati personali) ed un documento di riconoscimento.

[/av_textblock]

[av_heading heading=’Dawn Meats: proposta di lavoro’ tag=’h2′ link_apply=” link=’manually,http://’ link_target=” style=” size=” subheading_active=” subheading_size=’15’ margin=” padding=’10’ color=” custom_font=” custom_class=” admin_preview_bg=” av-desktop-hide=” av-medium-hide=” av-small-hide=” av-mini-hide=” av-medium-font-size-title=” av-small-font-size-title=” av-mini-font-size-title=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=”][/av_heading]

[av_textblock size=” font_color=” color=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” av_uid=’av-k3kjmspv’ custom_class=” admin_preview_bg=”]
(EURES ref. N. 2121928) (EURES ref. N. 2121928)

Mansione/compiti:

  • Assistere area produzione e fornire supporto al team di produzione.
  • Lavorare in tutti i segmenti del processo produttivo.
  • Mantenere elevati standard di pulizia in tutte le aree, seguendo le norme in materia di igiene e sicurezza sul lavoro.
  • Seguire con attenzione la formazione impartita al fine di adeguarsi agli standard qualitativi dell’azienda e rispettare i tempi di produzione.

Requisiti:

  • Capacità di lavorare in team e rispettare i tempi e le scadenze previste.
  • Capacità di adattarsi e lavorare nelle singole fasi del processo produttivo, in ambiente freddo.
  • Precedente esperienza con lavorazioni carni è considerata un plus.
  • Precedente esperienza con carico-scarico , uso muletto e conoscenza norme HACCP è considerata un plus.
  • Conoscenza della lingua inglese tale da poter eseguire i comandi-

Offerta contrattuale:
La sede di lavoro è Kilbeggan, Grannagh, Carroll’s Cross, Charleville, Ballyhaunis, Rathdowney, Slane (Irlanda).

  • Contratto a tempo indeterminato , Tempo pieno , dal lunedì al venerdì, 32-40 H/settimana, turni
  • Retribuzione lorda: Da 19.000 a 22.000 Euro/anno
  • Supporto nella ricerca dell’alloggio
  • Formazione tecnica e linguistica (corso inglese pre-partenza)
  • Ticket mensa parzialmente rimborsati dall’azienda
  • Supporto Your First EURES Job/Reactivate (http://www.yourfirsteuresjob.eu/it/home)

Come candidarsi:
Inviare un curriculum in lingua INGLESE e ITALIANO a eurespuglia@regione.puglia.it e cc. Edward.Kavanagh@welfare.ie con oggetto: DAWN MEATS entro il 2 dicembre 2019.
I candidati selezionati e ritenuti idonei saranno invitati (con apposita e-mail) a
sostenere il colloquio con i responsabili di risorse umane DAWN MEATS a LECCE, il
4 dicembre 2019.
[/av_textblock]

Categorie
Notizie

Púca Festival 2019

Il Púca Festival 2019 è un nuovissimo appuntamento che si svolgerà nell’Ireland’s Ancient East. Il festival inaugurale che celebra sarà caratterizzato da un’atmosfera vibrante e contemporanea ma sarà al contempo anche fortemente radicato nella storia del paese in cui sono nate tutte le tradizioni legate ad Halloween.

Il Púca Festival 2019 si terrà dal 31 ottobre al 2 novembre 2019 in tre cittadine storiche di due contee irlandesi e promette celebrazioni indimenticabili di tutto ciò che è legato al mondo dell’aldilà. Prende il nome da un folletto del folklore celtico, capace di mutare le proprie sembianze, sarà una celebrazione dell’originale e autentico spirito di Samhain – ‘la fine dell’estate’ in antico irlandese.

Púca onorerà gli spiriti di Hallowe’en con processioni ricche d’atmosfera, spettacolari installazioni luminose, nomi celebri ed emergenti della musica irlandese ma anche deliziose esperienze culinarie ispirate al periodo del raccolto.

Partecipa al Púca Festival 2019

Púca Festival 2019 prenderà il via dalla cittadina di Athboy, nella Contea di Meath, con l’evento “The Coming of Samhain” (31 Ottobre), una rappresentazione della simbolica accensione dei fuochi di Samhain, nello scenario dello storico sito di The Hill of Ward, uno dei primissimi ad ospitare Samhain.

Nel frattempo a Trim, sempre nella Contea di Meath, il suggestivo Trim Castle e i suoi dintorni diventeranno il sorprendente palcoscenico per tre notti ultraterrene fatte di musica, luci e divertimento in stile Hallowe’en a partire dal 31 ottobre.

Ogni notte il castello e il terreno tutto intorno prenderanno vita grazie ad una serie di installazioni luminose e interattive – dalle esibizioni dei trapezisti e degli artisti mascherati da Púca, alle proiezioni sulla facciata e le mura del castello, agli spettacoli di luci laser – ed ospiteranno anche il Púca Food and Craft Market, il mercatino dei prodotti gastronomici e dell’artigianato.

Il castello sarà il palcoscenico ideale per una serie di musicisti di richiamo mondiale quali Jerry Fish con il suo Púca Sideshow (31 ottobre), Just Mustard, Pillow Queens e AE MAK (1 novembre), e Kormac insieme alla Irish Chamber Orchestra (2 novembre).

A far pulsare di vita Drogheda, la terza cittadina che ospiterà il festival, sarà un programma da brividi di tre giorni di musica, film e installazioni luminose. La cittadina farà da sfondo agli artisti delle proiezioni de: LUX, i cui eventi visivi nei tre giorni di festival si ispireranno ai racconti del folklore irlandese e agli spiriti di Hallowe’en.

Secondo quanto sostiene il folklore irlandese – e che recenti ritrovamenti archeologici sembrano confermare – Hallowe’en può essere ricondotto all’antica tradizione celtica di Samhain, una festa che segnava la fine del vecchio anno celtico e l’inizio del nuovo. Era considerato come un periodo di transizione in cui gli spiriti di coloro che erano morti tra la precedente Oíche Shamhna (Notte di Samhain) e quella attuale affrontavano la loro vita successiva.