Confessioni di un ribelle irlandese

Drammaturgo di successo, scandaloso protagonista delle cronache letterarie, militante dell’Ira, leggendario bevitore e famoso cantastorie, Brendan Behan possedeva secondo Flann O’Brien “il cuore più grande che abbia battuto in Irlanda negli ultimi quarant’anni”. Ecco Confessioni di un ribelle irlandese.

Queste sue “Confessioni di un ribelle irlandese” costituiscono una picaresca autobiografia, infarcita di ogni sorta di digressioni, aneddoti, spacconate e rocambolesche avventure, il tutto innaffiato dall’immancabile “pinta di scura” e condito di ballate popolari e canzoni patriottiche.

Di seguito la sinossi del libro.

Sinossi Confessioni di un ribelle irlandese

Tra pub e prigioni, cimiteri e bordelli, l’irrefrenabile Behan combatte una sua personalissima battaglia per la giustizia, non indietreggiando di fronte a nessuna sfida pur di rimanere fedele ai suoi ideali e mantenere alto il tasso alcolico. Dall’amata Dublino si sposta in lungo e in largo per l’Irlanda, fa frequenti viaggi clandestini in Inghilterra (dove è persona non gradita) e appena può corre a Parigi. Nelle sue pagine i ricordi si susseguono per improvvise associazioni mentali nello stile del racconto orale. Nasce cosi un libro di verso da ogni altro, di straordinaria vitalità ed esilarante inventiva, in cui la lotta per la libertà irlandese e gli esistenzialisti francesi vanno a braccetto con i più impenitenti e spudorati bevitori.

Traduttore: E. Terrinoni
Editore: Giano
Collana: Filorosso
Anno edizione: 2003
In commercio dal: 12 settembre 2003
Pagine: 397 p., Brossura
EAN: 9788874200214

Acquista il libro

Acquista ora!

 

Altre risorse interessanti