Una scelta d’amore

Una scelta d’amore è un film drammatico del 1996, dove una madre dallo spirito pacifista si trova coinvolta nella guerra dell’Ira.
La regia di Una scelta d’amore è di Terry George, che firma anche la sceneggiatura insieme a Jim Sheridan.
Le interpreti Helen Mirren (anche produttrice) e Fionnula Flanagan sono di una bravura semplicemente straordinaria.
 

Una scelta d’amore, sinossi

Il 5 maggio del 1981, Robert Gerard Sands, conosciuto come Sands, perde la vita durante lo sciopero della fame: l’Hunger Strike. In quegl’anni i troubles infuocavano l’Irlanda del Nord. L’intransigenza del governo di Maggie Thatcher e la dirty war messa in atto dalle British Crown Forces sommate alle condizioni sociali in cui versavano i ghetti cattolici ebbero come risultato quello di elevare il livello di scontro fra il movimento repubblicano irlandese e lo stato britannico. Una scelta d’amore ripercorre una questione spinosa già affrontata in altre pellicole come “Nel Nome del Padre“.

Il film: «Una scelta d’amore»

Kathleen Quigley, vedova e insegnante, resta sconvolta quando viene arrestato uno dei suoi tre figli, Gerard, insieme al capo dell’Ira, Frank Higgins. I due coinvolti in uno scontro a fuoco contro il governo britannico, vengono rinchiusi in prigione. La loro fede per la causa repubblicana, è così forte, tanto da aderire allo sciopero della fame guidato da Bobby Sands, che muore dopo 65 giorni, dopo essere stato eletto in Parlamento. Kathleen è una pacifista, ma insieme ad Annie, madre di Frank, decidono di lottare per la causa indipendentista. Kathleen è sicura che anche suo figlio farà la stessa fine, per questo firma per il figlio la dichiarazione di rinuncia, legge che le permette, di ritirare il figlio in stato di coma prima che muoia.
 

Trailer

 

Altre risorse interessanti