Philomena

Philomena Lee è un film tratto dal libro di Martin Sixsmith: ‘A Mother, Her Son and a 50 Year Search’. Alla regia c’è Stephen Frears. Protagonisti tra gli altri, Judi Dench, nel ruolo della protagonista Philomena, e Steve Coogan, co-autore della sceneggiatura con Jeff Pope.
Philomena Lee racconta una donna irlandese costretta ad abbandonare suo figlio dopo averlo partorito in un convento. Cinquant’anni dopo, la donna, assieme al giornalista Martin Sixsmith, si mette alla ricerca del figlio perduto, che nel frattempo è stato dato in affido a una famiglia americana.
La pellicola è stata presentata in anteprima il 31 agosto 2013 all’interno del concorso ufficiale della 70ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, dove ha vinto il Premio Osella per la migliore sceneggiatura e tanti altri premi.
 

 

Philomena, la trama

Ambientato nell’Irlanda del 1952, l’adolescente Philomena Lee, scopre di rimanere incinta e per questo viene mandata in un convento per essere curata quale donna perduta.
Il bambino nasce e la giovane se ne prende cura per ben tre anni, ma poi la Chiesa glielo porta via dandolo in adozione a una famiglia americana. Philomena nonostante ha firmato, sotto costrizione, un documento con il quale si impegna a non cercare più il suo piccolo, ad un certo punto non potrà più fare a meno lo seguirà per i prossimi 50 anni.
Michael Hess, figlio perduto intanto, è cresciuto in una famiglia altolocata di Washington, con un padre adottivo avvocato, figura di spicco dell’amministrazione repubblicana. Ma il partito non ha una buona stima di Michael, perché omosessuale.
Le cose tuttavia degenerano quando il ragazzo si ammala di Aids e Michael vicino alla morte, decide di tornare in Irlanda, nel convento dove era nato in cerca di sua madre per l’ultimo saluto.
 

Altre risorse interessanti