Incredibile il successo ottenuto dal primo torneo di Poc Fada giocato in Italia lo scorso 1° maggio, torneo sponsorizzato dal Pub Degheio Irlandese di Badia Polesine ed organizzato dall’Ascaro Rovigo Gaelic Football in collaborazione con la società Baseball Softball Club Rovigo.
In una discreta giornata, finalmente calda e soleggiata, 25 concorrenti divisi nelle categorie assolute maschili e femminili si sono sfidati per tutta la giornata in questa particolare ed affascinante disciplina sportiva.
Il Poc Fada, in Irlanda, raccoglie moltissimi appassionati che si sfidano con una mazza (hurley) ed una palla (silotar), attrezzi usati nell’hurling, altro sport di squadra come il calcio gaelico gestito dalla Gaelic Athletic Association (GAA), su un tracciato di una distanza predeterminata che potrebbe essere anche una semplice strada cittadina.
Le finali All Ireland si svolgono invece dal 1960, su un percorso della lunghezza di 5 chilometri dislocato sulle pendici del monte Annaverna nella penisola di Cooley. Come nel golf, vince chi copre il tracciato con meno colpi possibili colpendo al volo la palla con la mazza.

 

Poc Fada

Nel suo piccolo, molto suggestiva anche la location del percorso rodigino preparato dagli organizzatori seguendo il perimetro esterno del nuovo capo di baseball nel quartiere Tassina, un tracciato molto impegnativo della lunghezza di circa un chilometro. Per la cronaca, ad imporsi nella categoria assoluta maschile, è stato Carlos Guevara, l’autore dell’home run che nel 2009 a Parma spianò la strada della promozione in serie A2 dell’ILCEA BSC Rovigo, in grado di coprire la distanza in soli 15 colpi. Sul primo gradino del podio della categoria “amatori”, con 22 colpi, è salito Davide Villan, addetto stampa del BSC Rovigo e difensore dell’Ascaro Rovigo Gaelic Football.
Nella classifica assoluta femminile si è piazzata al primo posto la neo mamma Silvia Bovolenta, ex giocatrice del New Softball Rovigo ed attuale tecnico del Minibaseball, che ha chiuso il giro in 18 colpi, mentre Carlotta Betto, nella categoria “amatori” ha coperto il tracciato di gara con i 35 che le hanno permesso di conquistare la prima posizione.

Altre risorse interessanti