L’azienda di Mountain View è sotto il mirino della Commissione Public Accounts Committee, organo di controllo delle finanze pubbliche.
E’ stata richiesta l’apertura di un’indagine, sui proventi che Google trasferisce in Irlanda, Paese con un regime fiscale certamente più favorevole.
E se c’è chi accusa Google di evasione fiscale, la laburista Margaret Hodge, ha ricordato anche i numeri che vengono contestati all’azienda americana, tra il 2006 e il 2011 infatti, con un fatturato di 18 miliardi di dollari in Gran Bretagna, Google avrebbe versato alle casse del fisco, soltanto 16 milioni di dollari.

 

Fisco in UK

L’accusa della Public Accounts Committee, è rafforzata dagli ex dipendenti di Google, che sostengono di essere stati attivi nelle vendite e nella promozione di prodotti, mentre il personale impiegato in Irlanda, si sarebbe limitato a fare esclusivamente un lavoro di fatturazione. Una procedura che riguarda numerose multinazionali tra cui anche Amazon e Starbucks, già ‘processate’ prima di Google.
Vediamo cosa succederà, ma intanto l’azienda ha già risposto alla Commissione, limitandosi a dire che tutte le procedure avvengono nel rispetto delle norme vigenti in UK e che sono i politici a fare le leggi!
 

Altre risorse interessanti