Le hostess Ryanair, tornano a posare in bikini per beneficenza e il Calendario Ryanair 2014 si annuncia ancora più piccante di quello degli anni scorsi.
Le assistenti di volo, cercheranno con il loro savoir-faire di far incassare ad una associazione inglese di malati di cancro, 100 mila euro.
La compagnia aerea ha messo in vendita il Calendario di Beneficenza delle Assistenti di Volo Ryanair 2014, iniziativa che intende raccogliere oltre 100 mila euro da donare all’associazione Teenage Cancer Trust.

 

Calendario 2014: hostess posano per beneficenza!

Dalla prima edizione, pubblicata nel 2008, il calendario Ryanair ha fatto raccogliere proventi per oltre €700 mila euro. Sono 13 le sexy hostess, che hanno posato per il Calendario Ryanair 2014, tutte in costume da bagno, nella location di Chania, Creta. Teenage Cancer Trust, è un’associazione benefica del Regno Unito e si occupa di migliorare la qualità della vita e le possibilità di sopravvivenza dei giovani tra i 13 e i 24 anni affetti da tumore.
Il Calendario Ryanair 2014 è in vendita a €10 euro, a bordo dei voli Ryanair e su Ryanair.com a soli €10, con tutti i proventi destinati direttamente a Teenage Cancer Trust.

Robin Kiely

Le favolose assistenti di volo Ryanair hanno scelto Teenage Cancer Trust per garantirle gli interi proventi della vendita del Calendario di Beneficenza delle Assistenti di Volo Ryanair 2014 di oltre €100.000. Questi fondi sosterranno le 27 unità oncologiche specialistiche per giovani pazienti in tutto il Regno Unito. Ogni anno 10.000 copie del calendario di beneficenza delle assistenti di volo Ryanair vanno a ruba in tempi record, per cui chi vuole aiutare Teenage Cancer Trust nel suo lavoro può acquistare il Calendario Ryanair 2014 a bordo dei voli Ryanair“.

Tom Marshall, Direttore Teenage Cancer Trust

“È una notizia fantastica che le assistenti di volo Ryanair abbiano scelto di sostenere Teenage Cancer Trust attraverso le vendite del Calendario 2014. Ogni giorno nel Regno Unito viene diagnosticato un tumore a circa sette giovani tra i 13 e i 24 anni e il denaro raccolto dallo staff e dai clienti Ryanair con la vendita del calendario ci aiuterà a continuare a fornire loro il vitale supporto specialistico di cui hanno bisogno”.

Altre risorse interessanti

A Dublino, alcune aziende italiane, Otto Terre, Feudo Antico, Agricola Le Querce, Branchini1858, Oro della Sabina, Duca D’Iser, Villa Zarri, Pastificio Andalini, Agricola PG, Acetaia Pedroni e il Vallino, hanno incontrato i buyer e importatori irlandese a caccia delle migliori primizie made in Italy.
Organizzato dalla FIBI, all’evento hanno aderito oltre 70 tra buyer e importatori irlandesi interessati a conoscere l’agroalimentare italiano.
Le aziende italiane, provenienti da ogni parte d’Italia, si dicono soddisfatte per il successo riscosso, non solo per i prodotti tradizionalmente conosciuti all’estero come pasta, vino, olio, formaggi, sughi, ma anche per prodotti outsider come brandy, sughi di selvaggina, pasta alle ortiche, prodotti da forno e basi per pizza e le confetture di peperoni verdi.
 

 
L’evento si è svolto presso il Pinocchio Italian Restaurant in Ranelagh, da anni portavoce dell’Italian food &wine in Irlanda e membro fondatore della FIBI insieme al Flavour of Italy Group e alla Strive Export Marketing.
Un ruolo importante nella promozione dell’agroalimentare italiano in Irlanda è svolto dagli Chef che quotidianamente entrano in contatto con i consumatori finali e clienti irlandesi, ecco perché una parte importante dei buyer del network è rappresentata dai ristoratori, insieme agli importatori specializzati di vino e alcolici, distributori, catene di supermercati, gourmet shops, negozi off-licence e scuole di cucina.
 

Altre risorse interessanti

L’amaretto di Saronno, marchio della Illva Saronno Spa, ha investito 25 milioni di euro per rilevare una quota di una distilleria che produce whiskey in Irlanda. L’azienda che detiene i famosi marchi Disaronno e Tia Maria, ha acquistato al 50% la Walsh Whiskey Distillery.
Augusto Reina, amministratore delegato della Illva Saronno, ha commentato l’investimento da parte dell’azienda, come un segnale positivo, importante per il business della compagnia, considerando il fatto che il whisky è uno dei pochi segmenti in crescita.
Il Whiskey irlandese infatti, detiene meno concorrenza, rispetto ad altri distillati, soprattutto per il sapore e il gusto che lo contraddistingue al whisky scozzese e lo rende unico. Le distillerie irlandesi, sono molto ricercate dai gruppi internazionali, infatti già qualche anno fa, un’azienda americana ha acquistato la distilleria Cooley per 95 milioni di dollari. La francese Pernod Ricard, produce la più famosa marca di whisky irlandese, Jameson, mentre la Diageo, padrona anche del marchio Guinness ha acquistato la Old Jameson Distillery, la fabbrica del whisky di Bushmills nel 2005 e la scozzese William Grant & Sons ha acquistato Tullamore Dew nel 2010.

Amaretto Disaronno fa acquisti

Dai recenti sondaggi, il whiskey irlandese, risulterebbe essere molto richiesto negli Stati Uniti e in Europa orientale, con un incremento di vendita complessiva che si attesta al +10,5%, cosa che non si è registrata per gli altri alcolici. La Walsh Whiskey Distillery a consuzione familiare, vorrebbe ora aprire una distilleria nella contea di Carlow, con una elevata capacità di produzione. E Disaronno, non ha investito solo in Irlanda, in questi ultimi anni, ha avuto altre partecipazioni in India e in Cina, rispettivamente con il gruppo Modi Group Umesh che produce Rockford Riserva whisky e il marchio di vodka Artico e con la Yantai Changyu Pioneer Wine, produttore di vino.
 

Altre risorse interessanti

Si chiama Singing On Water, ed è un progetto nato dalla collaborazione di Tobia Lamare e Surfinsalento.it: un viaggio che si trasforma in un documentario.
La musica e il surf si incontrano in un episodio girato in Irlanda durante l’ultima settimana di Ottobre 2012.
Protagonisti di Singing on Water, Angelo Verzini e la musica di Tobia Lamare and The Sellers.

una produzione Surfinsalento & Lobello Records
con il supporto di Puglia Sounds
con l’appoggio di: Quicksilver, Gold, CoolClub
regia Simone Manfreda a.k.a. zeemox
rider: Angelo Mojo Verzini, Shauna Ward, Ritchie Fitzgerald, Peter Craig, Carlo Morelli, Simone Manfreda
soundtrack: Tobia Lamare & the Sellers, Red Kid, Sweet Little Lies, Spread Your Legs, Psycho Sun, Muffx, Surfer Joe
song: “Stepbeat – Tobia Lamare & the Sellers”
 

Altre risorse interessanti

L’Irlanda è a caccia di infermieri, le richieste sono diverse e le più disparate, come l’assistenza agli anziani in residenze private, oppure il lavoro in corsia all’interno degli ospedali.
Tutte le offerte, promettono un’ottima retribuzione, turni e carriera, ma per candidarsi occorre essere qualificati.
Rathcoole a Dublino, con un salario che oscilla tra i 16.50 e i 19.80 euro per ora, con contratto part time o full time, 36 ore settimanali. Non siamo a conoscenza della struttura e per candidarsi c’è tempo fino al 24/10/2013, scrivere a peter@kinsaleconsultants.com.
 

A caccia di infermieri

Potete utilizzare la stessa email, per candidarvi presso un’altra struttura che si trova a Waterford, nel Sud dell’Isola con un salario che oscilla tra i 17.00 e i 19.40 euro l’ora con 37.5 ore settimanali. In cerca di personale anche una struttura che si trova a Sandymount, Dublin South, se interessati a quest’area, scrivete sempre all’email peter@kinsaleconsultants.com.
Restando nel settore, vi annunciano che una casa di cura di Cork, sta cercando una figura qualificata, che rivestirà il ruolo di CNM (Clinical Nurse Manager), con un’ottima retribuzione e con la possibilità di fare carriera. Si tratta di un ruolo di responsabilità, per un infermiere/a in cerca di una grande occasione, con una retribuzione che oscilla tra i 40 mila e i 50 mila euro l’anno. 40 ore di lavoro a settimana con scadenza il 29/10/2013. Per info fate sempre riferimento all’email precedente.
 

Altre risorse interessanti

Il Senato è salvo per un soffio, il referendum che prevedeva l’abolizione di uno dei due rami legislativi del Paese, è stato bocciato dai cittadini irlandesi.
Il Senato, che ogni anno costa 20 milioni di euro, potrà continuare a svolgere le sue funzioni, perché gli irlandesi lo vogliono o almeno hanno votato NO, il 51,7% degli elettori, mentre i SI, sì sono fermati al 48,3%.
Degli oltre 3 milioni di elettori chiamati alle urne, soltanto 1.226.374 (39,2% degli aventi diritto), hanno espresso la propria preferenza, con una vittoria di coloro che hanno voluto respingere la proposta di abolire il Senato irlandese.

Irlandesi salvano la Camera alta

634.437 voti contrari, 591.937 quelli a favore dell’abolizione (scarto dei voti pari a 42.500).
A Cork e nelle due circoscrizioni del Donegal, il referendum è stato respinto, mentre i voti a favore dell’abolizione, hanno vinto nel collegio elettorale del Taoiseach Enda Kenny, ossia nella Contea di Mayo, dove il 57% si espresso favorevole contro il 43% dei no.
A Dublino invece, il 57% ha detto NO contro il 43% dei SI. Nel Galway i SI hanno vinto anche se di poco, con una situazione analoga che si è verificata a Limerick.

Altre risorse interessanti

Si potrà votare fino alle 22, ma l’affluenza alle urne è molto bassa in alcune zone del Paese, almeno secondo quanto riporta l’Irish Times. Il referendum che vede l’abolizione di uno dei due rami legislativi, potrebbe portare un risultato storico per l’Irlanda. Il presidente Michael D Higgins e sua moglie Sabina Higgins, sono stati tra i primi a recarsi alle urne a Phoenix Park.

Nel Referendum 2013, gli elettori sono chiamati a decidere su due questioni, se vogliono abolire il Seanad e per stabilire una corte d’appello.

Se passerà il referendum che chiede l’abolizione del Senato, dalle prossime elezioni, la Camera Alta sarà abolita, così come sarà istituita una Corte d’Appello, il cui ruolo sarà quello di agire tra l’Alta Corte e la Corte Suprema.

Altre risorse interessanti

La cantante irlandese Sinead O’Connor ha scritto una lettera alla sua collega Miley Cyrus, «Sono estremamente preoccupata per te, ti hanno portata a credere che sia fico stare nuda a leccare una palla da demolizione».
Una lettera in cui la O’Connor, valorizza il talento della Cyrus, mettendola però in guardia dall’industria discografica che ‘invita gli artisti a prostituirsi’.
Ne è nata una polemica a distanza, visto che alla Cyrus, sempre più trasgressiva, non ha gradito l’avvertimento ed ha rimandato al mittente le “offese” con un tweet, paragonando la O’Connor all’attrice Amanda Bynes che ha avuto problemi psicologici.


Miley Cyrus, ex Hannah Montana, torna ancora con un servizio fotografico hot firmato da Terry Richardson. Non manca il topless e pose provocanti.

Uno degli scatti del fotografo Terry Richardson: 1

Altre risorse interessanti

In tempi di crisi in Irlanda, il Senato ha deciso di fare un passo indietro e di scegliere l’autoeliminazione, ossia l’abolizione di una delle due Camere.
Una rivoluzione che in Italia sarebbe impensabile e che invece nell’Isola di Smeraldo potrebbe accadere già da domani, visto che i senatori hanno votato la mozione per l’abolizione, lo scorso luglio, con 33 voti favorevoli, 25 contrari e 2 neutrali.
Il referendum in Irlanda, al quale sono chiamati circa 3,1 milioni di persone, potrà rendere effettivi gli emendamenti 32° e 33° della Costituzione, che recitano appunto di abolire o mantenere il Seanad e di creare una corte d’appello (Proposta che probabilmente passerà).
Il Senato irlandese conosciuto con il nome di Seanad Éireann o Camera Alta potrà quindi essere abolito dai cittadini, che domani 4 ottobre si recheranno alle urne per chiedere che la crisi economica, che ha portato l’Irlanda al commissariamento da parte dell’Unione Europa, venga pagata anche dalla classe dirigente.  Con motivazioni che oscillano tra l’inutilità del Senato e le spese eccessive, il voto di protesta dunque, porterà in caso di vittoria dei sì, alla chiusura di uno dei due rami legislativi del Paese.

I sondaggi assegnano al sì percentuali comprese tra il 60 e il 75 per cento!

 

Come funziona il Senato?

Il Seanad Éireann costituisce la camera alta dell’Oireachtas ed ha funzioni prevalentemente consultive. Il Senato è composto da 60 membri, 11 dei quali nominati direttamente dal Primo ministro, 6 eletti dai diplomati del Trinity College a Dublino e dell’Università Nazionale d’Irlanda, e 43 designati da 5 giurie di esperti all’interno di una lista di candidati meritevoli.

Altre risorse interessanti

Gli scolari irlandesi da quest’anno, potranno frequentare corsi di ateismo a scuola.
Sono circa 16 mila gli alunni della scuola primaria che potranno conoscere l’ateismo e altri corsi saranno offerti su internet tramite apps scaricabili sugli smartphone.
Un evento storico per la Repubblica d’Irlanda, che di certo piacerà a Richard Dawkins.

 

Ateismo

Le lezioni di ateismo, l’agnosticismo e l’umanesimo per migliaia di alunni delle scuole elementari in Irlanda saranno insegnati da Atheist Ireland, un passo storico visto che la cultura cattolica ha sempre dominato nel Paese.
“Il sistema educativo irlandese è stato per troppo tempo sbilanciato a favore dell’indottrinamento religioso” ha dichiarato Nugent.
L’obiettivo di insegnare l’ateismo a scuola, è un modo per offrire ai bambini irlandesi, una visione alternativa di come funziona il mondo. Anche un genitore su due bambini, sembra aver accolto positivamente questa nuova materia.

 

Altre risorse interessanti