Si intitola I’m Not Bossy, I’m the Bosss il nuovo album di Sinead O’Connor che in Italia sarà presentato durante l’evento musicale TerniOn, in programmadal 19 al 21 settembre.

La cantante irlandese, che più volte ha fatto parlare di sé in queste anni, è apparsa in ottima forma e si appresta alla conquista dell’Europa.

I’m Not Bossy, I’m the Boss è il decimo album di Sinéad O’Connor, pubblicato lo scorso 11 agosto 2014.

Le tracce di I’m Not Bossy, I’m the Boss

Protagonista del rock al femminile a cavallo tra la fine degli anni 80 e il decennio successivo, Sinead O’Connor torna graffiante come sempre.

  1. “How About I Be Me”
  2. “Dense Water Deeper Down”
  3. “Kisses Like Mine”
  4. “Your Green Jacket”
  5. “The Vishnu Room”
  6. “The Voice of My Doctor”
  7. “Harbour”
  8. “James Brown (with Seun Kuti)”
  9. “8 Good Reasons”
  10. “Take Me to Church”
  11. “Where Have You Been?”
  12. “Streetcars”

 

 

Il singolo Take Me To Church

In questo singolo l’artista irlandese mostra il suo lato ribelle e critica l’istituzione ecclesiatica.

 

Altre risorse interessanti

È morto Albert Reynolds, primo ministro irlandese dal 1992 al 1994. 81 anni, Reynolds nato a Rooskey nella contea di Roscommon ha avuto un ruolo fondamentale durante il processo di pace in Irlanda del Nord. Malato di alzheimer, Reynolds vantava una lunga carriera politica.

Insieme al premier britannico John Major, firmò la Dichiarazione di Downing Street nel 1993, nella quale si affermava il diritto all’autodeterminazione del popolo nordirlandese.

A seguire l’anno dopo l’accordo, il cessate il fuoco (1994).

Ex premier Albert Reynolds

Albert Reynolds

Albert Reynolds (Rooskey, 3 novembre 1932 – Dublino, 21 agosto 2014) è stato un politico irlandese, Capo del Governo dall’11 febbraio 1992 al 15 dicembre 1994. Faceva parte del Fianna Fáil.

Una conferma quella dell’impegno politico di Reynolds sottolineata anche dal presidente dello Sinn Féin, Gerry Adams e dal vice Martin McGuinness che ha voluto ricordare il suo ruolo di «pacificatore».

 

Altre risorse interessanti

Róisín Marie Murphy, classe ’73, è una cantante irlandese che ha scelto di cantare in italiano, rivisitando i grandi classici.

Cresciuta ad Arklow, nella contea di Wicklow, a dodici anni si trasferisce con la famiglia a Manchester, Inghilterra.

Dopo tre anni i genitori divorziano e ritornano in Irlanda, ma Róisín rimane nel Regno Unito e a diciassette anni si iscrive ad una scuola di specializzazione. Successivamente si trasferisce a Sheffield, dove incontra Mark Brydon e forma assieme a lui i Moloko.

 

Róisín Marie Murphy

Copertina album «Mi senti» 2014

 

Mi Senti Album

«Mi Senti» è un album di sei canzoni, in vinile, arrangiate in stile elettronico prodotto da Eddie Stevens.

  1. Ancora ancora ancora
  2. Pensiero stupendo
  3. Ancora tu
  4. In sintesi
  5. Non credere
  6. La gatta

 

 

 

Chi è Róisín Murphy

Róisín Murphy, nome completo Róisín Marie Murphy (Arklow, 5 luglio 1973), è una cantante irlandese. Ha raggiunto la fama come voce del duo Moloko, prima di intraprendere la carriera da solista. Parallelamente all’impegno con i Moloko, la Murphy collabora anche con altri artisti, tra cui Boris Dlugosch (già autore del remix del singolo dei Moloko, Sing it Back), col quale ha prodotto il singolo Never Enough (2001), gli Psychedelic Waltons (Wonderland), gli Handsome Boy Modeling School (The Truth), gli Spook (Feel Up, cover dell’omonimo brano di Grace Jones), e i Pulp.
 

I suoi dischi

  • Ruby Blue (2005 – 2006)
  • Overpowered (2007 – 2008)
  • Mi Senti (2014)
  • Hairless Toys e Take Her Up to Monto (2015 – 2017)

 

Altre risorse interessanti

Electric Picnic è un evento dedicato alle arti e alla musica che si svolge a fine agosto nella Contea di Laois a Stradbally.

Definito la versione irlandese del festival di Glastonbury, Electric Picnic ospita VIP del mondo della musica per una tre giorni piena di concerti e spettacoli nei suggestivi giardini del castello di Stradbally.

A differenza degli altri Festival, l’Electric Picnic si differenzia in quanto la scelta della musica è più eclettica aprendo agli internazionali come Kraftwerk, Röyksopp, Nick Cave, Sonic Youth, New Order, Björk, Arcade Fire, Beastie Boys, The Stooges, The Chemical Brothers, The Flaming Lips, Sigur Rós e Sex Pistols.

 

Stradbally Hall

Foto ww.stradballyhall.ie

 

Electric Picnic

In un clima generalmente più positivo e rilassato ed eco-friendly, Electric sta guadagnando terreno nei confronti dell’Oxegen, attualmente considerato il più popolare festival di musica irlandese. Ma se per caso volete partecipare ricordatevi di comprare i biglietti almeno quattro mesi prima dell’evento perché a ridosso dell’Electric Picnic sono introvabili o addirittura proibitivi.

La storia dell’Electric Picnic risale al 2004, quando si presentò come un semplice festival per trascorrere un lungo weekend fuori di casa. Anno dopo anno, però, l’evento ha preso piede e nel 2008 è sbocciato perché oltre alla musica è in grado di offrire ingredienti positivi come l’arena Body and Soul (che offre un lounge ambient con beanbag, massaggi e lettura dei tarocchi), la tenda Commedia (a cura di Gerry Mallon) e una discoteca silenziosa. Persino Amnesty International nel 2008, ha partecipato alla celebrazione del 60° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo.

Che cosa è Stradbally

Stradbally Hall si trova nella regione di Laois ed è di proprietà della famiglia Cosby. È raggiungibile, circa dieci minuti, da Portlaoise tramite la N80. Questa dimora, e l’ampio spazio circostante, dal 2004 accoglie il Festival Electric Picnic ed altri eventi come il National Steam Rally.

 

Altre risorse interessanti

Un breve trasloco sulle Skellig Michael per registrare alcune scene del prossimo episodio di Guerre stellari: «Star Wars: Episode VII». Il cast e il regista JJ Abrams attualmente impegnati negli Pinewood Studios a Londra verso fine agosto traslocheranno su questo paradiso terrestre, tra l’altro dal 1966 sito patrimonio dell’unesco.

Lo scrittore George Bernard Shaw descrive Skellig Michael come «Un folle posto» un paesaggio selvaggio dove terra, cielo e mare sono gli ingrediente che si possono godere dall’Isola, oltre a guardare gli uccelli.

Questo meraviglioso complesso monastico del settimo secolo, le Skellig Michael, arroccato sui fianchi ripidi dell’Isola si trova a circa 12 km al largo della costa sud-ovest. Un’isoletta che sarà interdetta al pubblico per permettere l’accesso esclusivamente alla produzione di Star Wars 7.

 

 

Star Wars 7

L’autorizzazione è stata concessa dal National Parks and Wildlife Service dopo un’accurata analisi sui possibili rischi dell’isola e con la presenza di alcuni esperti dell’Ente chiamati a presidiare durante le riprese. Anche i barcaioli locali riceveranno una somma di mille euro per mancati introiti. Mentre l’uscita del film è prevista negli Usa il prossimo 18 dicembre 2015.

Sinossi

Dopo la distruzione della seconda Morte Nera e la caduta dell’Impero, dalle ceneri di quest’ultimo è nato il sinistro Primo Ordine, con a capo il leader supremo Snoke e il suo braccio destro Kylo Ren. Oltre alla Resistenza, il pericolo numero uno del Primo Ordine è l’ultimo dei cavalieri Jedi, Luke Skywalker, misteriosamente sparito da tempo. Star Wars: Il risveglio della Forza (Star Wars: The Force Awakens), noto anche come Star Wars: Episodio VII – Il risveglio della Forza, è un film del 2015 diretto, co-scritto e co-prodotto da JJ Abrams.

È il settimo episodio della saga di Guerre stellari, ed è ambientato all’incirca trent’anni dopo gli eventi de Il ritorno dello Jedi, e racconta della ricerca di Luke Skywalker da parte di Rey, Finn e Poe Dameron e della loro lotta al fianco della Resistenza, guidata da veterani dell’Alleanza Ribelle, contro Kylo Ren e il Primo Ordine, successore dell’Impero Galattico.

 

Altre risorse interessanti

Michelle Rodriguez entra in acqua tutta nuda per riprendersi dalla sbornia.

Un rimedio irlandese che funziona sempre, soprattutto quando partecipi ad un matrimonio irlandese.

La bella trentaseienne, fidanzata di Zac Efron, lo ha detto chiaramente nel messaggio: «Irish sbornia con cura tradizionale», purtroppo senza tuffo visto che il laghetto è poco profondo e molto fangoso.

L’attrice americana, conosciuta al grande pubblico per i suoi ruoli nei film Fast and Furious, Resident Evil, S.W.A.T. – Squadra speciale anticrimine, si trovava nella contea di Kerry per festeggiare il matrimonio di Jared e Tonya.

Michelle Rodriguez, biografia

Michelle è nata a San Antonio, nel Texas, il 12 luglio del 1978, figlia di Rafael Rodríguez, un portoricano, e di Carmen Milady Pared Espinal, un’immigrata dominicana. I genitori divorziarono nel 1986. È stata cresciuta ed educata come testimone di Geova dalla nonna materna, ma ha abbandonato questa religione. La Rodriguez ha dieci fratellastri, alcuni dei quali non ha mai conosciuto.

A 8 anni, in seguito al divorzio dei genitori, si trasferì con la madre nella Repubblica Dominicana e, a 11, dapprima in Porto Rico ed infine negli Stati Uniti, stabilendosi definitivamente nel New Jersey. Lasciò la high school, dopo essere stata espulsa da 6 differenti scuole, a 17 anni, ma più tardi riesce ad ottenere il GED. Il primo ruolo da protagonista è quello di Diane Guzman in Girlfight, un film indipendente che però non riscuote un gran successo; tuttavia la mette in risalto. La celebrità arriva nel 2001 con il film Fast and Furious e la relativa saga, dove interpreta Leticia “Letty” Ortiz. Intanto compare in due film della saga di Resident Evil nel ruolo di Rain Ocampo. Nel 2003 recita nel film S.W.A.T. – Squadra speciale anticrimine e dal 2005 al 2006 ha il ruolo principale di Ana Lucia Cortez nella serie televisiva Lost. Nel 2009 è tra i protagonisti del film di James Cameron Avatar.

Dopo aver ottenuto altri ruoli in produzioni mediocri, Michelle si allontana da Hollywood ed inizia a lavorare per conto proprio. Il 17 febbraio 2010 è stata ospite al 60º Festival della canzone di Sanremo, dove ha raccontato la sua esperienza di attrice impegnata nel film Avatar, il 20 febbraio al Carnevale di Cento e il 23 febbraio al Chiambretti Night.

 

Altre risorse interessanti

La casa di cura Kerlogue Nursing Home è alla ricerca di 10 infermieri. I candidati che andranno a lavorare a Wexford, in Irlanda, sono richiesti i seguenti requisiti:

  • Titolo di studio per praticare la professione di Infermiere
  • Lingua Inglese livello B2
  • Preferibile esperienza nel settore geriatrico (ma non indispensabile)
  • Registrazione all’Irish Nursing Board (An Bord Altranais)

L’assistenza sanitaria si è costantemente dimostrata nel settore delle case di cura e ha sviluppato un modello che si applica in modo univoco al mercato e alla cultura irlandesi. Il team di gestione comprovato ed esperto ha stabilito una reputazione per l’assistenza riconosciuta per la sua eccellenza. La reputazione che ha costruito si basa sull’incontro dei semplici fondamenti dell’assistenza di qualità, unita all’empatia per i residenti e il benessere delle loro famiglie.

Questo standard di eccellenza di cura ha assicurato che siamo la casa di cura di scelta a Wexford Town e, a sua volta, garantisce un tasso di occupazione del 98%. Questo intuitivamente opera su linee chiaramente strutturate, basate sui nostri sistemi di gestione della qualità sviluppati, inestimabili in questo mercato ora altamente regolamentato.

La qualità della loro assistenza sarà sviluppata e monitorata su base continuativa per garantire la custodia sicura di tutti i residenti all’interno della casa. Tutto lo staff è qualificato ed esperto in tutti gli aspetti dell’assistenza che forniscono.

 

Offerta

  • Contratto a tempo indeterminato (tempo pieno)
  • Alloggio
  • Formazione adeguata nel settore della Geriatria
  • Stipendio annuo lordo tra 29 – 39 mila euro

Per candidarsi inviare una lettera motivazione e curricula, in inglese, al seguente indirizzo email edele@kerloguenursinghome.com e per conoscenza a eurespadova@provincia.padova.it con oggetto: Kerlogue.

Dove si trova la clinica?

Kerlogue Nursing Home – Wexford
Tel: 053 9170400
Fax: 053 9170499

 

Altre risorse interessanti

Due nuove adesioni allo Chefs’ Irish Beef Club, l’esclusivo club di Chef della Bord Bia (Irish Food Board): Daniele Repetti (Nido del Picchio) e Filippo Saporito (La Leggenda dei Frati).

L’ingresso nel club è stato celebrato durante un viaggio in Irlanda che ha permesso agli chef di avvicinarsi a tutti gli aspetti della produzione bovina: dalla visita di un allevamento con un approfondimento sui metodi tradizionali irlandesi e sulle avanzate metodologie di tracking e di misura dell’approccio sostenibile, alla lavorazione e maturazione della carne.

Gli chef sono inoltre entrati nel vivo delle procedure che garantiscono il massimo del gusto, della sicurezza del prodotto e della sua sostenibilità su tutta la filiera.

 

Daniele Repetti (Nido del Picchio) e Filippo Saporito (La Leggenda dei Frati)

Daniele Repetti (Nido del Picchio) e Filippo Saporito (La Leggenda dei Frati)


 
Liam MacHale(Manager Bord Bia Italia), Chef Filippo Saporito, Liam O’Dwyer, allevatore, Chef Francesco Cassarino, Chef Daniele Repetti

Liam MacHale(Manager Bord Bia Italia), Chef Filippo Saporito, Liam O’Dwyer, allevatore, Chef Francesco Cassarino, Chef Daniele Repetti


 
Creato da Bord Bia nel 2004, il club conta circa 70 chef associati in Francia, Olanda, Svizzera, Germania, Belgio e Inghilterra. Il club italiano, lanciato nel marzo di quest’anno, conta 7 chef e ha all’attivo 5 stelle Michelin (5 ristoranti con 1 stella Michelin). Insieme a Filippo Saporito e Daniele Repetti anche Stefano Arrigoni – Osteria della Brughiera, Sara Conforti – Osteria del Vicario, Andrea Fusco – Giuda Ballerino, Francesco Cassarino – Caravanserraglio e Giuliana Germiniasi – Capriccio.

[blockquote quote=”Sempre più chef si appassionano al nostro pregiato manzo. Sono lieto di avere celebrato l’ingresso dei due nuovi chef in Irlanda, una tradizione dello Chefs’ Irish Beef Club che consente agli chef di avere una conoscenza completa di tutta la filiera oltre che un’interessante occasione di confronto con altri professionisti della haute cuisine.” source=”Liam MacHale, manager della sede italiana di Bord Bia”].

 

Altre risorse interessanti

Campione di incassi in Irlanda il film The Stag, «Se Sopravvivo Mi Sposo», arriva nelle sale cinematografiche italiane il prossimo 28 Agosto. Diretto da John Butler, The Stag si presenta come una commedia briosa e irriverente che racconta un addio al celibato.

Protagonista Fionnan che, immerso nella natura irlandese in compagnia dei suoi amici, trascorrerà un piacevolissimo fine settimana da urlo prima del suo matrimonio con Ruth. Sarà «The Machine», il fratello della sposa, a rendere tutto davvero speciale.

Fionnan sta per sposarsi e il suo migliore amico Davin decide di organizzare l’addio al celibato (suggerito dalla futura moglie di Fionnan) in montagna, un fine settimana all’irlandese. Peccato che al gruppo, che oltre a Fionnan e Davin include il fratello di Fionnan, Kevin, il compagno di Kevin e l’amico Simon, si unisca il fratello della sposa, soprannominato The Machine: un individuo all’apparenza insopportabile che rischia di rovinare la gita a tutti.

 

Il film The Stag, «Se Sopravvivo Mi Sposo»

“Fionnán, confessato da se stesso, non vuole un addio al celibato, ma sarebbe felice di assistere alla gallina.” Ruth, la futura promessa sposa (Amy Huberman), persuade subito il , marginalmente più-macho, il migliore uomo (Andrew Scott) per organizzarne uno, riluttante, è d’accordo ma continua a fare tutto il possibile per fermare il famigerato fratello di Ruth, noto solo come The Machine (Peter McDonald), venendo per il loro sobrio, weekend a piedi, scusa per una festa di addio al celibato, ma The Machine, non così facilmente volpe, li rintraccia, e quello che segue è un esilarante paio di giorni nell’Irlanda rurale dove i cervi si ritrovano persi, colpiti, lapidati e nudi. The Stag è un viaggio esilarante e appassionante di amicizia, paura, legame maschile e pelle di scoiattolo ben fatta!”.

 

Trailer

 

Cast

  1. Andrew Scott as Davin
  2. Hugh O’Conor as Fionnán
  3. Peter McDonald as The Machine (Richard)
  4. Brian Gleeson as Simon
  5. Andrew Bennett as Enormous Kevin
  6. Michael Legge as Little Kevin
  7. Amy Huberman as Ruth

 

Dettagli

Titolo Originale: The Stag
Titolo italiano: Se Sopravvivo Mi Sposo
Genere: Commedia
Anno: 2013
Regia: John Butler
Distribuzione: Academy 2
Interpreti: Andrew Scott, Hugh O’Conor, Peter McDonald e Brian Gleeson
Data uscita: 28/08/2014

 

Altre risorse interessanti

Calvary è un film del 2014 diretto da John Michael McDonagh, che ne firma anche la sceneggiatura, protagonista Brendan Gleeson (nel ruolo di Padre James Lavelle), Chris O’Dowd (Jack Brennan), Kelly Reilly (Fiona Lavelle), Aidan Gillen (Dr. Frank Harte), Dylan Moran (Michael Fitzgerald), Isaach De Bankolé (Simon), M. Emmet Walsh (lo scrittore), Marie-Josée Croze (Teresa), Domhnall Gleeson (Freddie Joyce) e David Wilmot (Padre Leary).

Uscito nelle sale irlandesi lo scorso 11 aprile 2014, Calvary, è una commedia che racconta una tranquilla domenica mattina in una sonnolenta cittadina costiera irlandese occidentale.

Padre James Lavelle sta confessando un “peccatore” che gli annuncia di volerlo uccidere per vendicare un’ingiustizia subita da bambino, commessa da un altro prete oramai morto. James avrà una settimana di tempo. La fotografia di Calvary porta la firma di Larry Smith, del montaggio di Chris Gill, degli effetti speciali di Kevin Byrne, delle musiche di Patrick Cassidy e della scenografia di Mark Geraghty.

 

Calvary

L’uscita del film in Italia è prevista per il giorno 11 dicembre 2014.

Trailer ufficiale

Brendan Gleeson

Brendan Gleeson è nato a Dublino il 29 marzo 1955. L’attore irlandese ha iniziato tardi la sua carriera, quando aveva trentaquattro anni, e nonostante questo vanta una presenza in oltre trenta film: «Ritorno a Cold Mountain», «28 giorni dopo (28 Days Later…)», «Troy» e «Le crociate – Kingdom of Heaven, The Village e Braveheart». Gleeson ha interpretato Alastor Moody nella saga di Harry Potter. Padre di quattro bambini, Gleeson ha permesso ai suoi figli di entrare nel mondo del cinema molto presto: Domhnall, ha preso parte ai film Harry Potter e i Doni della Morte nel ruolo di Bill Weasley, mentre Brian ha recitato con il padre in «The tiger’s tail».

 

Altre risorse interessanti