Elle Darby, l’influencer 22enne inglese che ha cercato di ottenere un soggiorno gratuito in un hotel di Dublino (YouTube)

Sono giorni che la rete si interroga sulla vicenda che ha coinvolto Elle Darby, l’influencer di 22 anni inglese che ha cercato di ottenere un soggiorno gratuito in un hotel di Dublino in cambio di pubblicità.
La sua proposta ha trovato il ‘muro’ di Paul Stenson, proprietario della struttura, che stupito ha rispedito al mittente la proposta e reso nota la vicenda. Una sorta di gogna pubblica, finita tra accuse reciproche, pianti in diretta e una fattura – emessa dall’hotel – da 4 milioni di euro per la pubblicità gratuita ricevuta (ovviamente uno scherzo).
“È stato veramente imbarazzante”, commenta Darby su Youtube colpevole in qualche modo di aver cercato – attraverso uno scambio gratuito un soggiorno nella capitale irlandese insieme al suo ragazzo. La questione è semplice: tu mi offri il soggiorno e io ti faccio pubblicità. Ma qualcosa è andato storto e in qualche modo Stenson ha rotto il protocollo.

L’influencer ‘scroccona’

Una cosa va detta: non bisogna pensare che tutti gli influencer lavorano in questo modo. E pure chi lo fa, per lavoro, in qualche modo si propone. Che piaccia o no, questa è la realtà dei nuovi lavori nati grazie a internet.
Nel dettaglio, la ragazza si sarebbe rivolta all’hotel Charleville Lodge Hotel per richiedere un soggiorno gratuito di quattro notti in camera matrimoniale. Per perorare la causa, e convincere il gestore, ha messo in risalto i numeri delle tante persone registrate al suo canale YouTube e al suo profilo Instagram. I fan non sono notevoli, ma nemmeno da disprezzare: 87 mila sul celebre portale video di Google e 76 mila su Instagram.


Dunque, la blogger inglese ha offerto all’hotel un aumento della visibilità con un potenziale incremento delle prenotazioni. Ma, ovviamente, non ha fatto i conti con i toni bellicosi del gestore della struttura alberghiera che addirittura ha bandito (ovvero non sono più ospiti graditi) blogger e influencer.
Oltre a rendere pubblica la richiesta, Stenson ha affermato che è stata la prima volta che una web influencer, a suo modo di vedere “priva di dignità”, gli abbia fatto una proposta del genere. Poi il proprietario, rivolgendosi alla giovane, le ha posto una domanda: “I tuoi like sarebbero sufficienti a pagare gli stipendi agli impiegati della struttura e a pagare tutti i servizi offerti? Inizialmente, il nome della giovane era rimasto anonimo, la rete ha fatto il resto. Se due indizi fanno una prova, in qualche modo a smascherare Elle Darby non ci è voluto molto.
Il gran finale è contenuto in questo video. Le scuse, le lacrime. Tutto fa parte dello show. I sostenitori della giovane, però, la difendono e condannano fermamente l’azione del proprietario dell’hotel. In fondo bastava dire di no. Ad ogni modo, se c’è qualcuno che cercava visibilità, o se tutto questo non è nient’altro che un’immensa messa in scena: possiamo dire che ci abbiamo creduto tutti.