Continua Irlanda in Festa a Bologna: l’appuntamento di venerdì 16 marzo al Parco Nord prosegue con uno degli ospiti più attesi: i Calexico. Il collettivo di Joey Burns e John Convertino arriva all’Estragon Club alle ore 22 per presentare il nono album in studio ‘The Thread That Keeps Us’.
Al PalaIrlanda, che aprirà i battenti dalla 19 a ingresso gratuito, la musica folk di stampo irlandese vedrà salire sul palco a partire dalle ore 20 i Tribanda, che accompagneranno i balli tradizionali, e a seguire gli irlandesi The Banjacks, trascinante gruppo Irish-folk, e i romagnoli Lennon Kelly con i loro mix di jigs, reels, punk e rock. Chiuderanno la nottata i Selfish Murphy, primo gruppo celtic / irish punk rock della Transilvania.
Al ristorante Connemara si potranno gustare i piatti tipici e acquistare da asporto il pane irlandese prodotto appositamente per la manifestazione, mentre all’esterno un’area di street food proporrà sapori da altri paesi. Le birrerie spilleranno invece le imperdibili bionde rosse e scure made in Ireland, Guinness in testa.
 

Calexico e il programma nel dettaglio di Venerdì 16 marzo

STAGE PALAIRLANDA – aperto dalle 19.00 alle 03.00

  • h.20.00 concerto a ballo a cura di Polisportiva Masi con Tribanda (Italia) – Un nuovo progetto artistico che vede la collaborazione di Suonabanda, Musicanti dla Bása e Fragole e Tempesta per offrire in una serata unica le tre forme di ballo popolare più diffuse nel nord Italia, dal ballo staccato emiliano al bal folk internazionale, al liscio del primo dopoguerra.
  • h.22.45 The Banjacks (Irlanda) – Sono un vivace quartetto Irish-folk capace di ruotare fino a 10 strumenti diversi. Da quando la loro storia ha avuto inizio, nel 2014, si sono fatti conoscere e apprezzare per la vivacità, l’allegria e la capacità di dare una nuova travolgente veste acustica sia alle hit del momento che ai vecchi cavalli di battaglia della tradizione irish.
  • h.24.00 Lennon Kelly (Italia) – Il progetto prende vita nel 2011 a Cesena da un comune interesse per la musica folk. 7 elementi dalle influenze musicali diverse portano le melodie irlandesi a fondersi con il punk e il rock, aggiungendo a jigs e reels sfumature elettriche e graffianti su testi ora in stile cantautorato, ora diretti e rabbiosi, rifacendosi alle sonorità di Flogging Molly, Pogues e Modena City Ramblers, ecc. Il 2 febbraio 2018 è uscito “Malanotte”, il loro nuovo lavoro.
  • h.01.30 Selfish Murphy (Romania) – La band si forma nel 2011 ed è la prima a suonare musica celtica-irlandese in Transylvania. Sono stati i primi a suonare il cosiddetto celtic / irish punk rock. Le loro canzoni evocano l’atmosfera tipica dei pub irlandesi, con canzoni allegri e coinvolgenti. Troviamo brani popolari irlandesi riprodotti in versione punk irlandese e ci sono cover pop-rock convertite in stile folk irlandese.

STAGE ESTRAGON – Ingresso 20 euro

  • h.22.00 Calexico (USA) – Il celebrato collettivo di Tucson arriverà Italia per tre date live in occasione dell’uscita del nono album in studio The Thread That Keeps Us, un puntuale spaccato della band, nonché un ritratto di famiglia che cattura tutta la loro imprevedibilità e varietà stilistica, pur riservando il consueto spazio per la loro illimitata creatività. Nel dare vita all’album, il cantante/chitarrista Joey Burns e il batterista John Convertino, hanno trovato la loro dimensione spirituale in un ambiente insolito, non in Arizona, ma bensì sulla costa settentrionale della California, in una casa trasformata in studio, chiamata House Panoramic. Costruita con detriti e legname recuperato da un cantiere navale – soprannominata dalla band “la nave fantasma” – la sfarzosa casa, con il suo ambiente all’avanguardia, non ha tardato a dare il suo contributo al suono dei nuovi brani. I CALEXICO sono: Joey Burns, John Convertino, Martin Wenk, Jacob Valenzuela, Sergio Mendoza, Jairo Zavala Ruiz, and Scott Colberg.

Segui gli Eventi di San Patrizio 2018 in Italia.

In occasione della notte di San Patrizio Kinodromo organizza una serata di cinema sperimentale irlandese, a cura dell’Experimental Film Society di Dublino: un cinema d’azzardo, senza compromessi, pieno di coraggio, provocazione e ironia. Uno speciale tributo alla festività irlandese fra degustazioni e visioni.

Il programma di cortometraggi è stato curato dal regista e fondatore dell’Efs Rouzbeh Rashidi e fornisce uno spaccato del lavoro degli attuali membri dell’associazione. Lo stesso Rashidi sarà in sala per presentare la serata, insieme al regista irlandese e membro dell’EFS, Dean Kavanagh. I due registi accompagneranno la proiezione e saranno a disposizione del pubblico, alla fine della serata, per rispondere alle domande (ma anche alle affermazioni, alle provocazioni, alle riflessioni e alle teorie filosofiche).

DOVE: Cinema Europa, via Pietralata 55/A, Bologna
QUANDO: Lunedì 16 marzo 2015, apertura Cinema ore 19, performance live ore 19.30, proiezione ore 21.15.
COSTO: Biglietto 4€ con tessera Kinodromo che si può fare direttamente al cinema.


L’Experimental Film Society (EFS) è un’organizzazione no-profit indipendente specializzata in cinema di avant-garde, indipendente e a basso budget. Fondata nel 2000 a Teheran dal regista Rouzbeh Rashidi, dal 2004 ha sede a Dublino.
L’EFS unisce le opere di otto autori sparsi in tutto il mondo, i cui film si distinguono per una devozione senza compromessi per un cinema personale e sperimentale: in comune hanno un approccio esplorativo, in cui i film emergono dall’interazione tra suono, immagine e atmosfera piuttosto che dalle tradizionali tecniche narrative. Pur mantenendo la propria vocazione internazionale, Experimental Film Society svolge un ruolo cruciale all’interno della new wave del cinema irlandese sperimentale e, allo stesso tempo, nel promuovere l’emergente cinema underground iraniano.
Ore 19.00 | PopCorn_Hour: Aperitivo a tutta birra in occasione della notte di San Patrizio (con speciale fusto irlandese!)
Ore 19.30 | Performance LIVE GEMS di LOQI The Teknobusker – Synths, mini drum machine, mixer, effetti da chitarra ed iPad.
LoqiMusicista trentenne bolognese, da dieci anni produce musica elettronica e sperimenta da sempre, faticando a restare entro precisi confini. Stanco di seguire troppe regole, Loqi ha deciso di fare da sé. Synths e drum machines di dimensioni ridotte, un mixer, degli effetti da chitarra ed un iPad, costituiscono la base di un set che gli permette di girare strade e locali improvvisando suoni elettronici senza restrizioni di genere, per ballare o meditare, per spaventarsi o per coccolarsi il cervello e l’anima.
Ore 21.15 | Inizio Proiezioni.
Ecco i cortometraggi in programma:
1_Luminosity (2013) By Atoosa Pour Hosseini / Ireland / 5′
2_Canvas Eye (2014) By Jann Clavadetscher / Ireland-Italy / 12′
3_W.E (2013) By Bahar Samadi / France / 5′
4_Pitpony (2014) By Jason Marsh / UK / 3′:30”
5_The Illuminating Gas (2012) By Esperanza Collado / Spain / 7′:30”
6_Murder (2014) By Michael Higgins / Ireland / 5′
7_Friends with Johnny Kline (2015) By Dean Kavanagh / Ireland / 17′:30”
8_67-69-Take 5 (2015) By Maximilian Le cain Ireland-Spain / 14′
9_Homo Sapiens Project (150) (2013) By Rouzbeh Rashidi / Ireland / 36′
Total Running Time: 104′
Biografie
ROUZBEH RASHIDI (Nato nel 1980 a Teheran, Iran)
Film-maker indipendente iraniano, lavora come regista dal 2000, anno in cui ha fondato l’Experimental Film Society a Teheran. Da allora ha sempre lavorato lontano da ogni concezione mainstream del fare cinema. Lotta per sottrarsi agli stereotipi della narrazione convenzionale, radicando il proprio stile cinematografico nella poetica interazione tra suono e immagine. Rifugge la sceneggiatura, perché vede il processo del creare immagini in movimento come esplorazione piuttosto che illustrazione.
Lavora con diversi formati, sia digitali che analogici, dal Super8 alle GoPro.
I suoi film sono ispirati da e costruiti intorno alle immagini, ai luoghi ai personaggi e le loro situazioni. Tratto distintivo del suo linguaggio filmico è l’uso della luce naturale o dell’unica fonte di luce, attori professionisti e non, trame astratte e dialoghi minimali.
Il suo lavoro è principalmente a basso budget e autofinanziato in completa libertà creativa. Rouzbeh Rashidi ha prodotto e diretto 40 cortometraggi.
Dal 2004 vive e lavora a Dublino.
DEAN KAVANAGH (Nato nel1989 a Dublino, Irlanda)
Dean Kavanagh è un regista irlandese di film indipendenti, di avanguardia e a basso budget e fa parte attivamente della Experimental Film Society. Inizia la sua attività come filmmaker molto presto e man mano si focalizza sull’elemento visuale delle storie riducendo, dal 2006, gli elementi narrativi convenzionali all’interno dei suoi lavori.
Viene scoperto nel 2008 dal regista Rouzbeh Rashidi. Da allora Dean si dedica al cinema sperimentale. Tra il 2008 e il 2010 gira circa 15 corti all’interno con l’EFS.
Il suo lavoro si distingue per un’accurata attenzione alla relazione tra suono e immagine e lui stesso compone talvolta musiche per cortometraggi. Dal 2013 fa parte del progetto Cinema Cyanide, un gruppo che produce musica ambient, drone e noise per album online.
Ha inoltre fondato “Easter Film Group”, società di produzione indipendente che usa come piattaforma creativa per i suoi lavori.