*{margin: 0;}body{padding-top: 0px;padding-right: 0px;padding-bottom: 0px;padding-left: 0px;}a:where(:not(.wp-element-button)){text-decoration: underline;}.wp-element-button, .wp-block-button__link{background-color: #32373c;border-width: 0;color: #fff;font-family: inherit;font-size: inherit;line-height: inherit;padding: calc(0.667em + 2px) calc(1.333em + 2px);text-decoration: none;}.has-black-color{color: var(--wp--preset--color--black) !important;}.has-cyan-bluish-gray-color{color: var(--wp--preset--color--cyan-bluish-gray) !important;}.has-white-color{color: var(--wp--preset--color--white) !important;}.has-pale-pink-color{color: var(--wp--preset--color--pale-pink) !important;}.has-vivid-red-color{color: var(--wp--preset--color--vivid-red) !important;}.has-luminous-vivid-orange-color{color: var(--wp--preset--color--luminous-vivid-orange) !important;}.has-luminous-vivid-amber-color{color: var(--wp--preset--color--luminous-vivid-amber) !important;}.has-light-green-cyan-color{color: var(--wp--preset--color--light-green-cyan) !important;}.has-vivid-green-cyan-color{color: var(--wp--preset--color--vivid-green-cyan) !important;}.has-pale-cyan-blue-color{color: var(--wp--preset--color--pale-cyan-blue) !important;}.has-vivid-cyan-blue-color{color: var(--wp--preset--color--vivid-cyan-blue) !important;}.has-vivid-purple-color{color: var(--wp--preset--color--vivid-purple) !important;}.has-metallic-red-color{color: var(--wp--preset--color--metallic-red) !important;}.has-maximum-yellow-red-color{color: var(--wp--preset--color--maximum-yellow-red) !important;}.has-yellow-sun-color{color: var(--wp--preset--color--yellow-sun) !important;}.has-palm-leaf-color{color: var(--wp--preset--color--palm-leaf) !important;}.has-aero-color{color: var(--wp--preset--color--aero) !important;}.has-old-lavender-color{color: var(--wp--preset--color--old-lavender) !important;}.has-steel-teal-color{color: var(--wp--preset--color--steel-teal) !important;}.has-raspberry-pink-color{color: var(--wp--preset--color--raspberry-pink) !important;}.has-medium-turquoise-color{color: var(--wp--preset--color--medium-turquoise) !important;}.has-black-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--black) !important;}.has-cyan-bluish-gray-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--cyan-bluish-gray) !important;}.has-white-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--white) !important;}.has-pale-pink-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--pale-pink) !important;}.has-vivid-red-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--vivid-red) !important;}.has-luminous-vivid-orange-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--luminous-vivid-orange) !important;}.has-luminous-vivid-amber-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--luminous-vivid-amber) !important;}.has-light-green-cyan-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--light-green-cyan) !important;}.has-vivid-green-cyan-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--vivid-green-cyan) !important;}.has-pale-cyan-blue-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--pale-cyan-blue) !important;}.has-vivid-cyan-blue-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--vivid-cyan-blue) !important;}.has-vivid-purple-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--vivid-purple) !important;}.has-metallic-red-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--metallic-red) !important;}.has-maximum-yellow-red-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--maximum-yellow-red) !important;}.has-yellow-sun-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--yellow-sun) !important;}.has-palm-leaf-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--palm-leaf) !important;}.has-aero-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--aero) !important;}.has-old-lavender-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--old-lavender) !important;}.has-steel-teal-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--steel-teal) !important;}.has-raspberry-pink-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--raspberry-pink) !important;}.has-medium-turquoise-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--medium-turquoise) !important;}.has-black-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--black) !important;}.has-cyan-bluish-gray-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--cyan-bluish-gray) !important;}.has-white-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--white) !important;}.has-pale-pink-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--pale-pink) !important;}.has-vivid-red-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--vivid-red) !important;}.has-luminous-vivid-orange-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--luminous-vivid-orange) !important;}.has-luminous-vivid-amber-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--luminous-vivid-amber) !important;}.has-light-green-cyan-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--light-green-cyan) !important;}.has-vivid-green-cyan-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--vivid-green-cyan) !important;}.has-pale-cyan-blue-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--pale-cyan-blue) !important;}.has-vivid-cyan-blue-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--vivid-cyan-blue) !important;}.has-vivid-purple-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--vivid-purple) !important;}.has-metallic-red-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--metallic-red) !important;}.has-maximum-yellow-red-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--maximum-yellow-red) !important;}.has-yellow-sun-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--yellow-sun) !important;}.has-palm-leaf-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--palm-leaf) !important;}.has-aero-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--aero) !important;}.has-old-lavender-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--old-lavender) !important;}.has-steel-teal-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--steel-teal) !important;}.has-raspberry-pink-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--raspberry-pink) !important;}.has-medium-turquoise-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--medium-turquoise) !important;}.has-vivid-cyan-blue-to-vivid-purple-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--vivid-cyan-blue-to-vivid-purple) !important;}.has-light-green-cyan-to-vivid-green-cyan-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--light-green-cyan-to-vivid-green-cyan) !important;}.has-luminous-vivid-amber-to-luminous-vivid-orange-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--luminous-vivid-amber-to-luminous-vivid-orange) !important;}.has-luminous-vivid-orange-to-vivid-red-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--luminous-vivid-orange-to-vivid-red) !important;}.has-very-light-gray-to-cyan-bluish-gray-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--very-light-gray-to-cyan-bluish-gray) !important;}.has-cool-to-warm-spectrum-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--cool-to-warm-spectrum) !important;}.has-blush-light-purple-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--blush-light-purple) !important;}.has-blush-bordeaux-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--blush-bordeaux) !important;}.has-luminous-dusk-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--luminous-dusk) !important;}.has-pale-ocean-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--pale-ocean) !important;}.has-electric-grass-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--electric-grass) !important;}.has-midnight-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--midnight) !important;}.has-small-font-size{font-size: var(--wp--preset--font-size--small) !important;}.has-medium-font-size{font-size: var(--wp--preset--font-size--medium) !important;}.has-large-font-size{font-size: var(--wp--preset--font-size--large) !important;}.has-x-large-font-size{font-size: var(--wp--preset--font-size--x-large) !important;} .wp-block-navigation a:where(:not(.wp-element-button)){color: inherit;} :where(.wp-block-columns.is-layout-flex){gap: 2em;} .wp-block-pullquote{font-size: 1.5em;line-height: 1.6;}

Un carteggio tra Bce e il governo irlandese, finora rimasto segreto, racconta il salvataggio del Paese durante gli anni della recessione economica.

Si tratta di quattro lettere, datate 2010, scambiate tra l’ex presidente della Bce, Jean-Claude Trichet, e l’ex ministro delle Finanze irlandese, Brian Lenihan.

Fu la UE a bussare alle porte dell’esecutivo irlandese mostrando la via del prestito da 67,5 miliardi di euro da parte dell’Unione europea e del Fondo monetario internazionale. L’Irlanda accettò quei fondi che furono destinati a ricapitalizzare e ristrutturare le 6 grandi banche del Paese. In una delle lettere del 19 novembre 2010, Trichet avvertì Lenihan suoi finanziamenti spiegando che le coperture sarebbero arrivate soltanto in caso di accettazione del piano di salvataggio stilato dalla Troika.

Il ministro Lenihan, successivamente morto di cancro nel 2011, soltanto una settimana prima degli accordi dichiarò pubblicamente che l’Irlanda non aveva bisogno di alcun aiuto. Passarono pochi giorni quando Lenihan fece marcia indietro e siglò quei patti. Alla stampa dichiarò: «arriva un punto in cui il sentimento negativo inizia a nutrirsi di se stesso, anche indipendentemente dalla realtà di fondo, e noi siamo arrivati chiaramente a quel punto».

06/11/2014: ECB Cover Letter

 


15/10/2010: Letter from Jean-Claude Trichet to Brian Lenihan

 


04/11/2010: Letter from Brian Lenihan to ECB

 


19/11/2010: Letter from President Trichet to Brian Lenihan

 


 

Altre risorse interessanti

L’Agenzia delle Entrate ha presentato un conto davvero salato a Mediolanum, per accertamenti che riguardano Banca Mediolanum e Mediolanum Vita, che avrebbero evaso grazie alla controllata irlandese Mediolanum International Funds.
La multa di 344 milioni di euro è stato presentato alla famiglia Doris, con imposte e sanzioni, che si riferiscono all’Irap e all’Ires per gli anni 2005, 2006 e 2007, che si vanno ad aggiungere già ad altre tasse non pagate del 2010, circa 20,8 milioni di euro.
Ora il gruppo Doris e la Fininvest di Silvio Berlusconi, ha deciso di rivolgersi all’Europa invocando la procedura arbitrale sulle doppie imposizioni e stabilire così eventuali controversie sul pagamento delle tasse, tra il nostro Paese e l’Irlanda. Da anni l’Isola di Smeraldo è nel mirino del fisco di mezza Europa, proprio per le basse imposte applicate alle aziende straniere, che decidono di aprire le sedi legali da queste parti, ma continuano ad operare anche negli altri Paesi europei.

Mediolanum, ha chiuso il 2012 con un utile record di 351 milioni di euro (+422%), avrebbe sottratto al fisco italiano tra il 2005 e il 2007 circa mezzo miliardo di euro.

Mediolanum International Funds Limited

Nata nel 1997 in Irlanda, Mediolanum International Funds è una delle “fabbriche” del gruppo Mediolanum che si occupa della “produzione ed il confezionamento” di fondi comuni d’investimento distribuiti in differenti paesi europei. Certificata I.F.S.C. è specializzata nella produzione di fondi d’investimento di tipo “umbrella” come Top Manager Funds e Defender Funds, e di fondi di fondi come Portfolio. Tanti comparti, numerose classi e valori quota calcolati giornalmente, caratterizzano tutti questi prodotti.
Mediolanum International Funds Limited
Indirizzo: Iona Building, Shelbourne Road, Dublino 4, Irlanda
Telefono: +353-1-2310800
Sito: www.mediolanuminternationalfunds.it

Mediolanum Asset Management Limited

Nata in Irlanda nel 1999, Mediolanum Asset Management Limited è divenuta SGR nel novembre 2000 (I.A.A. Approval). Cura parte della gestione dei fondi di diritto irlandese commercializzati dal Gruppo Mediolanum ed in particolare svolge attività come quelle legate alla consulenza finanziaria delle società del Gruppo, tesoreria per le società irlandesi, strutturazione di prodotti assicurativi e investment manager per diverse tipologie di prodotti.
Mediolanum Asset Management Limited
Indirizzo: Iona Building, Shelbourne Road, Dublino 4, Irlanda
Telefono: +353-1-2310800

Il leader degli U2, Bono insieme a The Edge, già proprietari del Clarence Hotel a Dublino, situato nel cuore della capitale, hanno deciso di continuare ad investire sull’albergo, ampliando la struttura attuale.
Le due star irlandesi, stanno pensando ad un nuovo investimento ambizioso di 150 milioni di sterline, secondo il The Herald, fermo dal 2009 e che adesso sembra tornare a nuova vita. I due, infatti, avrebbero chiesto il permesso per una estensione di costruzione del Clarence Hotel fino a luglio 2018.
Nel piano è previsto, oltre ad un ampliamento dell’edificio con 141 camere, anche un ristorante e un bar a forma di disco volante che sarà realizzato sopra il tetto e prenderà il nome di Skycatcher.

Progetto Clarence Hotel

Il nuovo progetto del Clarence Hotel sembra essere davvero invasivo, e porta la firma del celebre architetto britannico Norman Foster ed è inutile dirlo che tale proposta si è già tirata dietro le critiche dei gruppi locali che vorrebbero conservare l’attuale paesaggio. Il The Clarence Hotel è un edificio protetto, proprio per il suo interesse architettonico, per questo si teme per la sua demolizione e in molti sostengono, che tale intervento potrebbe cambiare gli equilibri delle banchine, data la vicinanza con il fiume Liffey.

 

Altre risorse interessanti

Le parole chiave dell’Irlanda sono stabilità economica, crescita e occupazione per i prossimi sei mesi, un obiettivo da perseguire e ribadito durante la cerimonia che si è celebrata al Castello di Dublino, dove ha preso parte il Taoiseach (Enda Kenny).

Una celebrazione per accogliere la nuova presidenza e ricordare l’adesione dell’Irlanda in Europa avvenuta 40 anni fa.

Tra gli ospiti presenti il sindaco di Dublino, ministri del governo, membri del corpo diplomatico e altre persone del mondo politico. 40 palloncini sono stati liberati nel cielo da alcuni scolari impegnati nel programma Ue Blue Star, rivolto alle scuole primarie, durante i festeggiamenti.

 

Occupazione e crescita

L’Irlanda promuoverà il patto per la crescita e l’occupazione, un pacchetto di misure riguardanti il consolidamento di bilancio, credito, disoccupazione, commercio internazionale e altri settori nei quali è possibile creare lavoro e stimolare la crescita.

Un’altra priorità sarà l’adozione di nuove regole per:

    • agevolare il riconoscimento delle qualifiche professionali negli altri paesi dell’UE
    • modernizzare gli appalti pubblici
    • chiarire i diritti dei lavoratori distaccati all’estero nell’UE.

Per stimolare l’innovazione e la ricerca, l’Irlanda cercherà di portare a termine i negoziati per la prossima tornata di finanziamenti dell’UE (Programma “Horizon 2020”), per promuovere in particolare le nanotecnologie, la fotonica, le tecnologie di fabbricazione avanzata, il cloud computing e l’elaborazione ad alta velocità.

 

L’economia

L’Irlanda assume il ‘timone’ dell’Unione Europea, con l’impegno di ripristinare la fiducia nell’economia europea, puntando al coordinamento economico e di bilancio con particolare attenzione rivolta ai salari e la loro indicizzazione, le riforme del mercato del lavoro, le pensioni, l’istruzione e la povertà.

 

Bilancio dell’UE

Visto che a novembre i leader dell’UE non hanno raggiunto un accordo sul bilancio dell’UE per il periodo 2014-2020, durante la presidenza irlandese sarà organizzata una nuova fase di accordi. Una volta concordate le cifre globali, l’Irlanda si concentrerà sulla suddivisione dei fondi fra le varie politiche.

Le priorità sono la riforma della politica agricola e della pesca, gli investimenti in ricerca e innovazione, i finanziamenti per le regioni più povere dell’UE e il meccanismo per collegare l’Europa, per favorire la crescita e l’occupazione migliorando l’infrastruttura europea.

Oltre che sulle iniziative per promuovere la crescita economica e l’occupazione, l’Irlanda si concentrerà anche sull’ambiente, i trasporti, i nuovi paesi che aderiranno all’UE, la giustizia e il sostegno allo sviluppo.

Il 1° luglio 2013 l’Irlanda passerà il testimone alla Lituania.

 

Irish Citizenship Cerimony at Dublin Castle

 

Altre risorse interessanti

Era un cattivo investitore. Era stato definito così il frontman degli U2, qualche anno fa, per aver messo a segno dei colpi decisamente sbagliati. Ma eccolo tornare alle cronache come il musicista più ricco del mondo. Insomma, Bono aveva investito su Facebook e ora che il colosso americano è sbarcato in borsa, le sue azioni si sono moltiplicate.

Insieme al Ceo di Fb Mark Zuckerberg, patron di Facebook, la star di Dublino è stato uno dei primi a credere alle potenzialità del social network e quindi grazie alla grande liquidità economica derivatagli dal successo come artista, è riuscito attraverso Elevation Partners ad acquistare nel 2009, il 2,3% di Facebook, azioni pagate 90 milioni di dollari.

Ma lo sbarco del colosso americano in borsa è stato valutato ben 100 miliardi di dollari, quindi, secondo quanto riportato dal sito Nme, la rockstar percepirà un guadagno di 1 miliardo e mezzo di dollari superando un’altra leggenda della musica, Paul McCartney, fermo a 665 milioni di sterline.

Mark Zuckerberg suona la campanella del Nasdaq

Il frontman peggiore investitore negli USA?

Il fondo Elevation Partners, dove Vox è uno dei maggiori azionisti, ha effettuato investimenti disastrosi. La notizia è stata diffusa da un blog del Wall Street Journal. I ‘movimenti’ sbagliati sono stati due, uno nel 2007 quando fu acquisito il 25% di Palm, storica azienda di cellulari statunitense e l’altro investimento in Forbes (300 milioni di dollari).

Nel primo caso la società ha puntato tutto su un nuovo telefono multimediale sfidando Apple e BlackBerry, con un operazione disastrosa e un fallimento totale, con il titolo di Palm che ha chiuso a 3,7 dollari, rispetto ai 18,5 dollari della scorsa estate.
Mentre Forbes nelle sue attività online ha puntato sull’acquisto di una quota di 100 milioni di dollari nel capitale di Move.com, le cui azioni nell’ultimo anno sono crollate del 50 per cento.

A Ballyhea sono davvero indignati per il piano di austerità imposto dal governo, e così ogni domenica, gli abitanti del posto marciano lungo le strade per mostrare la propria contrarietà. Stiamo parlando di un piccolissimo villaggio dove di solito non accade mai nulla e che invece si è ‘risvegliato’ e unito, per manifestare contro i tagli imposti dall’alto.

Quello che accomuna queste persone, oltre alle poche aziende agricole e un piccolo complesso residenziale, composto da una chiesa, una pompa benzina e la scuola è proprio l’indignazione. E così, sono 43 settimane che tutte le domeniche gli abitanti percorrono la strada principale che collega Cork a Limerick, con uno striscione in testa con scritto “Ballyhea says NO!”.

L’organizzatore della Marcia, Diarmuid O’Flynn, durante un’intervista ha esplicitamente dichiarato di essersi ispirato alla primavera araba ed ha aggiunto “Non stiamo cercando di salvare il mondo, e non si tratta di destra e sinistra. Si tratta di giusto e sbagliato”.

 

Ballyhea

A Ballyhea però, sembrano essere tutti d’accordo con questa Marcia, è giusta secondo i cittadini di questo villaggio, perchè il debito non lo hanno creato loro e nemmeno il resto degli irlandesi, il debito lo hanno creato le banche e le borse, sono loro a dover pagare. Insomma, a Ballyhea vecchi e giovani marciano insieme contro il piano di austerity.

 

Altre risorse interessanti

Il futuro non è affatto roseo in Irlanda. C’è crisi, una crisi profonda che potrebbe presto portare il Paese ad accettare gli aiuti Europei, come ha già dovuto fare la Grecia.

Il lavoro più sicuro che si può trovare in questo momento è all’estero. In 150 mila, nei prossimi cinque anni, sono pronti ad andare via e secondo i dati ogni mese 1.250 studenti sono costretti a fronteggiare la crisi, lasciando il proprio Paese. Sull’isola un laureato su cinque cerca lavoro all’estero.

Una crisi che sta colpendo le tasche degli studenti, che vedono lievitare le tasse di iscrizione. Oggi a pensare di partire sono tanti studenti stufi e stanchi di protestare contro gli aumenti delle imposte e i tagli continui per far quadrare i conti. C’è lotta.

 

La ex Tigre Celtica lotta

Secondo il portavoce degli studenti, Michael Ward, i giovani irlandesi stanno pagando la ‘bolla immobiliare’ che ha investito l’Isola. Per un Paese perdere i giovani significa perdere il dinamismo, la voglia di fare e di crescere e se proprio vogliamo dirla tutta. Qualcuna aveva previsto già nel 2007 questa crisi, andate a chiedere informazioni a Morgan Kelly, dell’University College di Dublino.

 

Altre risorse interessanti

Tutti parlano di PIGS e PIIGS ma cosa sono? In inglese PIGS, significa ‘porci’ e questo termine è stato coniato dalla stampa britannica ai danni dei paesi europei con problemi economici.

Nel caso di PIGS parliamo di (Portogallo, Italia, Grecia e Spagna), ma ultimamente compare anche la scritta PIIGS, dove la doppia I non indica Italia al quadrato bensì Irlanda e quindi i nuovi porcii sarebbero (Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia e Spagna).

Nel 2010 la ‘I’ è stata utilizzata per sostituire l’Italia con l’Irlanda. L’Irlanda sta vivendo una “recessione continuata”, con un ”drammatico deterioramento dei conti pubblici”. Il pil ha ancora il segno meno (-0,9%), e il suo deficit nel 2010 è all’11,7% mentre nel 2011 sarà al 12,1%. Il debito è al 77,3% del Pil nel 2010 e l’anno prossimo salirà all’87,3%. Tra i problemi maggiori, l’altissima disoccupazione (13,8%) e la scarsissima competitività.

 

PIGS o PIIGS?

PIGS è stato usato fin dagli anni novanta per indicare quattro paesi dell’Europa meridionale: Portogallo, Italia, Grecia e Spagna. L’Irlanda è stata aggiunta, dal 2010, come I addizionale: PIIGS, a causa del suo pesante coinvolgimento nella crisi, raggiungendo un deficit di bilancio del 32%.

A partire dal 2008, il ministro delle finanze del Portogallo Manuel Pinho, la stampa portoghese, e quella di lingua spagnola, hanno a più riprese dichiarato che PIGS “è un termine dispregiativo e razzista”; a causa di questa connotazione, il quotidiano Financial Times e la banca Barclays Capital hanno deciso di bandire l’uso del termine.

Nel 2010 in alcuni articoli l’Italia è stata sostituita dall’Irlanda nell’acronimo originale a quattro lettere, ma alcuni economisti continuano a considerare solo i Paesi mediterranei. Meno di frequente la I è stata usata per riferirsi all’Islanda.

Nello stesso anno è stata aggiunta una G per Gran Bretagna (PIIGG o PIGGS); si trova anche il termine PIIGSUK, composto da PIIGS e UK, iniziali di United Kingdom (Regno Unito in inglese). GIPSI è stato introdotto per risolvere in qualche maniera il problema dell’accezione dispregiativa di PIIGS: l’acronimo richiama infatti il termine inglese gipsy, cioè zingaro.

 

Altre risorse interessanti

Irlandaonline © Copyright 2001-2023 | Tutti i diritti sono riservati