*{margin: 0;}body{padding-top: 0px;padding-right: 0px;padding-bottom: 0px;padding-left: 0px;}a:where(:not(.wp-element-button)){text-decoration: underline;}.wp-element-button, .wp-block-button__link{background-color: #32373c;border-width: 0;color: #fff;font-family: inherit;font-size: inherit;line-height: inherit;padding: calc(0.667em + 2px) calc(1.333em + 2px);text-decoration: none;}.has-black-color{color: var(--wp--preset--color--black) !important;}.has-cyan-bluish-gray-color{color: var(--wp--preset--color--cyan-bluish-gray) !important;}.has-white-color{color: var(--wp--preset--color--white) !important;}.has-pale-pink-color{color: var(--wp--preset--color--pale-pink) !important;}.has-vivid-red-color{color: var(--wp--preset--color--vivid-red) !important;}.has-luminous-vivid-orange-color{color: var(--wp--preset--color--luminous-vivid-orange) !important;}.has-luminous-vivid-amber-color{color: var(--wp--preset--color--luminous-vivid-amber) !important;}.has-light-green-cyan-color{color: var(--wp--preset--color--light-green-cyan) !important;}.has-vivid-green-cyan-color{color: var(--wp--preset--color--vivid-green-cyan) !important;}.has-pale-cyan-blue-color{color: var(--wp--preset--color--pale-cyan-blue) !important;}.has-vivid-cyan-blue-color{color: var(--wp--preset--color--vivid-cyan-blue) !important;}.has-vivid-purple-color{color: var(--wp--preset--color--vivid-purple) !important;}.has-metallic-red-color{color: var(--wp--preset--color--metallic-red) !important;}.has-maximum-yellow-red-color{color: var(--wp--preset--color--maximum-yellow-red) !important;}.has-yellow-sun-color{color: var(--wp--preset--color--yellow-sun) !important;}.has-palm-leaf-color{color: var(--wp--preset--color--palm-leaf) !important;}.has-aero-color{color: var(--wp--preset--color--aero) !important;}.has-old-lavender-color{color: var(--wp--preset--color--old-lavender) !important;}.has-steel-teal-color{color: var(--wp--preset--color--steel-teal) !important;}.has-raspberry-pink-color{color: var(--wp--preset--color--raspberry-pink) !important;}.has-medium-turquoise-color{color: var(--wp--preset--color--medium-turquoise) !important;}.has-black-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--black) !important;}.has-cyan-bluish-gray-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--cyan-bluish-gray) !important;}.has-white-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--white) !important;}.has-pale-pink-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--pale-pink) !important;}.has-vivid-red-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--vivid-red) !important;}.has-luminous-vivid-orange-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--luminous-vivid-orange) !important;}.has-luminous-vivid-amber-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--luminous-vivid-amber) !important;}.has-light-green-cyan-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--light-green-cyan) !important;}.has-vivid-green-cyan-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--vivid-green-cyan) !important;}.has-pale-cyan-blue-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--pale-cyan-blue) !important;}.has-vivid-cyan-blue-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--vivid-cyan-blue) !important;}.has-vivid-purple-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--vivid-purple) !important;}.has-metallic-red-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--metallic-red) !important;}.has-maximum-yellow-red-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--maximum-yellow-red) !important;}.has-yellow-sun-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--yellow-sun) !important;}.has-palm-leaf-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--palm-leaf) !important;}.has-aero-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--aero) !important;}.has-old-lavender-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--old-lavender) !important;}.has-steel-teal-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--steel-teal) !important;}.has-raspberry-pink-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--raspberry-pink) !important;}.has-medium-turquoise-background-color{background-color: var(--wp--preset--color--medium-turquoise) !important;}.has-black-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--black) !important;}.has-cyan-bluish-gray-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--cyan-bluish-gray) !important;}.has-white-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--white) !important;}.has-pale-pink-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--pale-pink) !important;}.has-vivid-red-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--vivid-red) !important;}.has-luminous-vivid-orange-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--luminous-vivid-orange) !important;}.has-luminous-vivid-amber-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--luminous-vivid-amber) !important;}.has-light-green-cyan-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--light-green-cyan) !important;}.has-vivid-green-cyan-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--vivid-green-cyan) !important;}.has-pale-cyan-blue-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--pale-cyan-blue) !important;}.has-vivid-cyan-blue-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--vivid-cyan-blue) !important;}.has-vivid-purple-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--vivid-purple) !important;}.has-metallic-red-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--metallic-red) !important;}.has-maximum-yellow-red-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--maximum-yellow-red) !important;}.has-yellow-sun-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--yellow-sun) !important;}.has-palm-leaf-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--palm-leaf) !important;}.has-aero-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--aero) !important;}.has-old-lavender-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--old-lavender) !important;}.has-steel-teal-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--steel-teal) !important;}.has-raspberry-pink-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--raspberry-pink) !important;}.has-medium-turquoise-border-color{border-color: var(--wp--preset--color--medium-turquoise) !important;}.has-vivid-cyan-blue-to-vivid-purple-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--vivid-cyan-blue-to-vivid-purple) !important;}.has-light-green-cyan-to-vivid-green-cyan-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--light-green-cyan-to-vivid-green-cyan) !important;}.has-luminous-vivid-amber-to-luminous-vivid-orange-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--luminous-vivid-amber-to-luminous-vivid-orange) !important;}.has-luminous-vivid-orange-to-vivid-red-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--luminous-vivid-orange-to-vivid-red) !important;}.has-very-light-gray-to-cyan-bluish-gray-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--very-light-gray-to-cyan-bluish-gray) !important;}.has-cool-to-warm-spectrum-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--cool-to-warm-spectrum) !important;}.has-blush-light-purple-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--blush-light-purple) !important;}.has-blush-bordeaux-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--blush-bordeaux) !important;}.has-luminous-dusk-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--luminous-dusk) !important;}.has-pale-ocean-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--pale-ocean) !important;}.has-electric-grass-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--electric-grass) !important;}.has-midnight-gradient-background{background: var(--wp--preset--gradient--midnight) !important;}.has-small-font-size{font-size: var(--wp--preset--font-size--small) !important;}.has-medium-font-size{font-size: var(--wp--preset--font-size--medium) !important;}.has-large-font-size{font-size: var(--wp--preset--font-size--large) !important;}.has-x-large-font-size{font-size: var(--wp--preset--font-size--x-large) !important;} .wp-block-navigation a:where(:not(.wp-element-button)){color: inherit;} :where(.wp-block-columns.is-layout-flex){gap: 2em;} .wp-block-pullquote{font-size: 1.5em;line-height: 1.6;}

L’azienda, italiana al 100%, da anni operante nel cuore della capitale irlandese, Temple Bar, è sempre più amata ed apprezzata tanto da vantare una lista lunga d’attesa. Conosci Italian Cookery School?

Insomma, per imparare a cucinare ci vuole pazienza. Così l’Italian Cookery School ‘Pinocchio’ ha deciso di festeggiare ampliando i propri progetti. basta spulciare il fitto programma per capire corsi e masterclass: tra le offerte c’è la realizzazione della pasta fatta in casa, immancabile tradizione della Penisola, nonché della pizza e dei dolci.

Italian Cookery School è stata fondata da due imprenditori italiani con la promessa di utilizzare ingredienti e ricette nostrane. Il made in Italy deve essere rispettato al 100%. Col tempo, oltre all’enogastronomia, questo luogo è divenuto teatro dell’arte della convivialità, una specialità del tutto italiana. Agli studenti si sono spesso alternati volti noti della Tv e campioni dello sport.

La storia di Italian Cookery School

Italian Cookery School è una scuola di cucina nata nel 2004: due fondatori Maurizio Mastrangelo e Marco Giannantonio, a capo della Holding Flavour of Italy, che, tra le varie attività, include anche una divisione dedicata alla formazione. I due hanno scelto l’Irlanda per avviare un’azienda di import-export di prodotti italiani, la “scuola – commenta Giannantonio – nella sua idea iniziale, doveva essere un posto dove organizzare show-cooking per presentare a chef, imprenditori e ristoratori i prodotti italiani che avevamo selezionato e che puntavamo lanciare sul mercato irlandese”.

Ben presto si sono “aggiunti dai 15 posti iniziali, oltre 80 persone. Lo scorso anno, solo per fare qualche esempio, sono stati circa mille gli studenti della scuola per i corsi normali, cui partecipa un pubblico molto variegato. A loro vanno aggiunte oltre 2 mila persone per le lezioni in formato team building”. “Oltre alla varietà di corsi offerti, puntiamo molto sulla convivialità ‘made in italy’: un aspetto che, senza dubbio, è quello che ha permesso di differenziarci dai nostri competitor.

I nostri corsi di cucina, e in particolar modo i nostri ‘cookery party’, puntano far vivere un’esperienza nella maniera più piacevole possibile, cercando di fare sentire i partecipanti come a casa di amici”, aggiunge Maurizio. “La formula è molto semplice: gli ospiti, guidati dagli chef, imparano a cucinare i migliori piatti della tradizione – dalla pasta fresca alla pizza al tiramisù – mentre sorseggiano dell’ottimo vino italiano. Poi, tutti insieme gustano la cena preparata a partire dagli ingredienti di base. Un po’ lezione di cucina, un po’ party, dunque, è un’opportunità per divertirsi, imparare nuove cose e fare squadra intorno a un tavolo, secondo la più autentica tradizione italiana”, conclude uno dei soci.

“In occasione del quindicesimo anno dalla fondazione della scuola – commenta il direttore Crupi – abbiamo pensato a varie iniziative: è da poco terminata una masterclass, teorica e pratica, sull’arte della pizza e, nelle prossime settimane, sono previsti sia alcuni corsi che alcuni cookery party dedicati ai dolci. Senza dimenticare, infine, che, nei prossimi mesi, lanceremo nuovi corsi dedicati alle diverse cucine regionali italiane, approfondendo insieme ai partecipanti anche gli aspetti storico-turistici delle località che, di volta in volta, saranno protagoniste delle lezioni”.

 

Altre risorse interessanti

Una notte magica a Derry, va in scena “Tides – A History of Lives and Dreams Lost and Found”: il documentario di Alessandro Negrini che vede protagonista il fiume Foyle che divide geograficamente cattolici e protestanti nella città nordirlandese. Siamo in Irlanda del Nord, lungo le rive del fiume che ha svolto un ruolo centrale nella storia del paese. Su queste acque è atterrato un ministro fascista italiano; c’è stata la resa dei sommergibili (U-Boot) tedeschi; l’arrivo della Marina americana. E così, dopo numerosi premi, la pellicola ha fatto il suo debutto proprio nel luogo di cui parla.
“Che magica serata, devo ammettere che ho un po’ di emozione”, ha dichiarato il direttore Negrini al giornale locale parlando di Tides. “Questo lavoro è il mio tributo personale a un fiume che mi ha profondamente ispirato”, ha aggiunto. La proiezione su Ebrington Square, con il fiume alle spalle e i cittadini davanti al proiettore, ha raccolto un grande successo. Mille biglietti staccati in soli 4 giorni. “Tides è il mio personale omaggio al cittadino più silenzioso della città – ha proseguito il regista -, che si è trovato a diventare ciò che non voleva essere: un confine”. “Vedere così tante persone venire ad ascoltare le sue storie è stato per me un regalo commovente in una scenografia magica”.
Il direttore della fotografia di questo film è di fama internazionale: il norvegese Oddgeir Sæther (che ha lavorato nella pellicola «L’impero della mente» di David Lynch), con il quale Negrini ha già collaborato nel documentario ‘Paradiso’, vincitore di 17 premi internazionali.

Tides, il trailer in italiano

Istruzione e pub, questo è il motto di Luca Longo. Docente al Dublin Institute of Technology, il trentacinquenne di Varese ama confrontarsi con gli studenti. Le sue lezioni varcano i confini dell’aula e terminano al pub.

Per le sue qualità di insegnamento, Longo ha ricevuto il premio del National Teaching Hero 2016. Lo hanno deciso gli studenti, che arrivano in massa durante le sue lezioni di informatica. Le ore trascorse con gli alunni sembrano essere coinvolgenti, fatte di domande, video e battute. Rottamata l’immagini del professore in cattedra o che fa avanti indietro proiettando noiose slide.

Unico italiano a salire sul palco, insieme a 36 colleghi irlandesi e inglesi, selezionati tra oltre ottocento candidati: Longo al Corriere della Sera ha dichiarato: «Sono felice di questo premio, ma le mie ambizioni sono altre. Punto ad aumentare il tempo che dedico alla ricerca e a vincere uno dei progetti milionari dell’Unione Europea».

Il miglior professore

 

Altre risorse interessanti

The Irish Time, con un articolo a firma della giornalista Frances O’Rourke, omaggia Flavour of Italy Group: una realtà imprenditoriale che promuove l’enogastronomia italiana in Irlanda.

Sono passati quasi dieci anni da quando Maurizio Mastrangelo e Marco Giannantonio, di origini molisane, si sono trasferiti nell’isola con l’obiettivo di promuove la cucina italiana. Hanno scelto l’Irlanda e i risultati sono visibili e riconosciuti: una scuola di cucina dove si fanno corsi di pasta fresca, l’Italian School of Cooking, il ristorante Pinocchio nell’esclusivo quartiere di Ranelagh, l’agenzia di viaggio “Flavour of Italy Travel” e una società che organizza catering per grandi eventi.

Marco Giannantonio, originario di Ripalimosani, è una co-fondatore di Sapore d’Italia insieme a Maurizio. I due si sono conosciuti a Campobasso. Come per tanti italiani sparsi nel mondo, il loro sogno – almeno di uno dei due – è maturato dopo un soggiorno sull’Isola con lo scopo di studiare inglese a Dublino. Si tratta di una storia di successo, fatta di determinazione e tanta voglia di mettersi in gioco.

È inziato tutto così

Dopo una fase iniziale in cui i due soci miravano alla vendita di prodotti italiani in Irlanda, la svolta è arrivata con l’apertura di una scuola di cucina italiana. Correva l’anno 2005. La richiesta di partecipazione è stata da subito alta, tanto che l’anno successivo i due molisani hanno dovuto cercare una sede più grande. Nel 2006, gli investimenti si sono diversificati: prima con una società di catering e nel 2007 con un tour operator, considerando che i partecipanti alle attività scolastiche richiedevano di poter visitare l’Italia. Eccoli accontentati, con tour nei vigneti a raccogliere l’uva e a fare il vino. Nel 2008, è arrivata la ciliegina sulla torta: l’apertura di un ristorante a Ranelagh.

Diversi tra loro, ma con un elemento che li accomuna: la fiducia. Lo dichiara Giannantonio al quotidiano irlandese: “Il rapporto di amicizia genuino che c’è tra me e Maurizio è il fattore chiave del nostro modo di fare business – sottolinea nell’intervista a The Irish Time – Quando vivi all’estero senti il bisogno di crearti una seconda famiglia. Se sei da solo non puoi andare lontano, se invece hai fiducia nelle persone con cui lavori e condividi con loro ambizioni e sentimenti, i sogni possono diventare realtà”.

Dieci disegni originali di Leonardo da Vinci saranno in mostra, dal mese di maggio, presso la National Gallery of Ireland di Dublino.
Una piccola parte delle opere di Leonardo da Vinci, appartenenti alla Royal Collection della Regina Elisabetta II, saranno esposte per la prima volta fuori dal Regno Unito. L’appuntamento con il pittore fiorentino è alla National Gallery di Dublino, dal 4 maggio al 17 luglio.
L’esposizione curata dalla Royal Collection Trust mostrerà il grande talento dell’artista, dalla pittura e scultura alla progettazione, la zoologia e la botanica, così come il suo uso di penna e inchiostro, di gessetti rossi e neri, e acquarello. Si tratta della quinta mostra itinerante – iniziata nel 2002 – di disegni di Leonardo appartenenti alla Royal Collection, che vanta quasi 600 disegni dell’ingegnere.
 

I disegni del maestro

Attraverso il disegno, il pittore ha cercato di registrare e comprendere il mondo che lo circondava. Egli sosteneva che l’immagine trasmessa rivelasse conoscenza in modo più accurato e conciso di qualsiasi parola. Ciò nonostante, molti dei suoi disegni sono ampiamente annotati, tra cui il foglio di Studi per la fusione del monumento equestre a Francesco Sforza e la pagina su entrambi i lati da un notebook di studi anatomici. Leonardo era mancino, ma in tutta la sua vita riuscì a scrivere perfettamente in maniera speculare.
Le opere in mostra: Studi di arti di un bambino (1490), Studi per la fusione del monumento equestre a Francesco Sforza (1492-4), Una mappa di una diga sull’Arno est di Firenze (1504), Un nudo maschile (1504-5), Le espressioni di rabbia nei cavalli, leoni e di un uomo (1504-5), Un ramo di mora (1505-10), Recto: Il cuore rispetto ad un seme; Verso: I vasi del fegato, milza e reni (1508), Uno studio per la testa di Sant’Anna (1510-15), Studi di gatti, leoni e un drago (1513-18), Un diluvio (1517-18).
 

Altre risorse interessanti

“Un Italiano a Dublino” è un viaggio musicale dove il Grace O’Malley Quartet racconta, attraverso cinque lunghe tracce, l’ambiente incontrato da Francesco Saverio Geminiani in Inghilterra e Irlanda.
L’apertura è affidata a una delle melodie più ispirate di O’Carolan, dedicata all’eroe nazionale irlandese Owen Roe O’Neill.
Proseguendo lungo il percorso, incontriamo melodie spirituali, brani gaelici e danze tradizionali, insieme alle Scottish Songs, queste ultime sempre introdotte dal frammento musicale “Auld Bob Morrice”, un motivo molto popolare dell’epoca studiato da Geminiani, che idealmente personifica il compositore come guida.
 

Violinista

Siamo all’inizio del secolo dei lumi quando un violinista toscano, tra i più acclamati dell’epoca, intraprende il primo di una serie di lunghi viaggi, dalla terra del sole verso le brughiere delle isole d’oltremanica: la corte britannica lo attende, la sua fama è ormai diffusa in tutta Europa Francesco Saverio Geminiani, virtuoso concertista e prolifico didatta, nasce a Lucca il 5 dicembre 1687. Allievo di Arcangelo Corelli, da cui apprende tecniche compositive proprie del barocco italiano, ama l’arte in tutte le sue forme incarnando la sintesi dell’uomo illuminista, fervido collezionista di opere pittoriche e primo italiano affiliato alla massoneria inglese. L’Irlanda del Settecento è la terra di Turlough O’ Carolan (1670 – 1738), arpista e ispirato compositore con una nutrita produzione di air e planxty, dove troviamo in egual misura convivere elementi popolari e colti. I due artisti s’incontrano, una testimonianza certa li vede insieme a Dublino almeno in un’occasione.
I confini tra traditional e art music sono fluidi e permeabili, è un’ osmosi naturale: le arcaiche melodie del popolo cantate in gaelico salgono gli scaloni dorati grazie alla loro freschezza e forza evocativa, mentre il musicista di strada assorbe nuovi metodi esecutivi. Ne sono un esempio le quattro Scottish Song tratte da “A Treatise of Good Taste in the Art of Musick” del 1749, antiche arie scozzesi trasformate da Geminiani in esecuzioni dal corretto uso di forma, armonizzazione e ornamento, dedicate al Principe di Galles.
La rilettura della parte barocca non si allontana dalle origini folk del progetto, al punto di assegnare la parte cembalistica alla chitarra acustica, con voluta noncuranza dell’esasperazione stilistica legata alla filologia musicale, mentre i traditional sono proposti con ampia libertà di improvvisazione con riferimento ai pochi e scarni manoscritti giunti sino a noi e alla prolifica trasmissione orale. Francesco Saverio Geminiani moriva a Dublino il 17 settembre del 1762: pioveva e l’erba d’Irlanda era più verde del solito. Danny Boy al suo fianco, ad accompagnarlo nell’ultimo viaggio.

Grace O’Malley Quartet

Il Grace O’Malley Quartet, ensemble italiano, ha appena completato il master pre-stampa del nuovo album “Un Italiano a Dublino”, un progetto dedicato al grande violinista lucchese dove i viaggi dell’artista nelle terre d’Albione vengono narrati musicalmente attraverso la fusione tra la classicità del barocco portata dal continente e la tradizione folk incontrata nelle isole britanniche. Per la definitiva pubblicazione del master e la stampa fisica dei CD, il gruppo ha deciso di affidarsi a una campagna di raccolta fondi attraverso la piattaforma web MusicRaiser che si è conclusa lo scorso 26 febbraio con 3578 euro raccolti su 3000 richiesti. Un lavoro che ha ricevuto il beneplacito dell’ambasciatore d’Irlanda in sede a Roma – S.E. Bobby Mac Donagh – il quale ha voluto precisare quanto valore culturale sia insito in questo progetto.

Formazione

  • Flauto traverso – Edoardo Caffi
  • Violino – Alessandro Cavalleri
  • Voce e percussioni – Giusi Pesenti
  • Chitarra – Manuela Bonfanti

Storia

Grace O’Malley Quartet nasce nel 2006 con l’intento di divulgare un repertorio raro legato al mondo popolare e tradizionale delle terre d’oltre Manica, un repertorio ricchissimo di melodie ispirate, ritmi e strutture uniche che ancora oggi caratterizzano una cultura e una civiltà antiche e di crocevia. Musica che spesso viene trasmessa solo per tradizione orale. Il Grace O’Malley attiva una curata ricerca nel repertorio tradizionale e classico di un periodo che spazia tra il XVI e il XVIII secolo, ed è soprattutto agli inizi del ‘700 che avvengono le più interessanti contaminazioni tra musica colta e melodie popolari.
Nel 2013 produce il primo lavoro discografico – The Sheep’s Dream – dove all’ascolto è chiara la libertà esecutiva che caratterizza l’ensemble, una sonorità classica che incontra la freschezza del sound folk e tradizionale, e una scelta dei brani che predilige l’alternarsi di danze ad antiche arie di origine sia sacra che profana.
 

Altre risorse interessanti

Quattro giovani ricercatori dell’Università di Modena e Reggio hanno ricevuto, a Dublino, gli “Award internazionali di Endocrinologia” per il loro impegno ed i risultati ottenuti nell’Unità operativa di Endocrinologia e nel Laboratorio Unimore di Baggiovara a Modena. Fra di loro Giulia Brigante.
La Dottoressa Brigante, 31 anni, è nata a Scandiano (RE) ed è iscritta all’Albo dei Medici Chirurghi di Modena dal 17 febbraio 2009 dopo aver conseguito una Laurea in Medicina e Chirurgia nel 2008 con il massimo dei voti.
Giulia Brigante opera a Modena.
 

Chi è Giulia Brigante?

Giulia Brigante è laureata in Medicina e Chirurgia a Modena nel 2008 con il massimo dei voti (110 e lode) e successivamente si è specializzata in Endocrinologia e malattie del metabolismo. Ha approfondito gli studi sulla tiroide frequentando il dottorato in Medicina Clinica e sperimentale che l’ha portata a frequentare per un anno il prestigioso Erasmus Medical Center a Rotterdam, in Olanda. Al suo ritorno, la dottoressa ha continuato ad occuparsi di patologie endocrinologiche, non solo della tiroide, ma anche di ipofisi, surrene e ovaie, avendo come riferimento la Cattedra di Endocrinologia del Nuovo Ospedale Civile di Baggiovara a Modena.
 

Altre risorse interessanti

Il compositore italiano porterà sul palco dell’International Arts Festival, in anteprima, il suo nuovo album «Le retour à la raison», in uscita il prossimo 19 settembre. Nel frattempo Teho Teardo ha pubblicato in rete «L’etoile de mer», una marcia funebre del 1900 a dir poco suggestiva.

L’anteprima del disco di Teardo in Irlanda a Galway il prossimo 23 luglio.

«Le retour à la raison» verrà presentato in anteprima europea in Irlanda all’International Arts Festival di Galway il 23 luglio 2015, dove Teardo sarà l’unico artista italiano in cartellone insieme a St. Vincent, Damien Rice e Sinead O’Connor.

L’uscita di Le retour à la raison. Musique pour trois film de Man Ray dedicato a Man Ray conferma nuovamente Teardo come uno dei compositori di riferimento della scena musicale contemporanea. Sono, infatti, sempre più frequenti le sue partecipazioni a festival europei dove Teardo viene salutato come uno degli artisti più originali di questa generazione. Parallelamente, prosegue la luna di miele con l’Irlanda dove, dopo la felice collaborazione del 2014 con il drammaturgo Enda Walsh per le musiche dello spettacolo Ballyturk, per il quale ha vinto l’Irish Theatre Award e da cui tratto l’omonimo disco, Teardo ritorna a Galway il 15 luglio con le musiche originali per lo spettacolo teatrale The Matchbox di Joan Sheehy e il 20 luglio per il concerto Le retour à la raison.

Il video, girato da Francesca Mazzoleni, riprende il concerto sold out di Le retour à la raison al Museo MAXXI di Roma il 7 febbraio scorso, e vede la partecipazione di 40 chitarristi tra cui Joe Lally (Fugazi), il regista Andrea Molaioli e il critico cinematografico Mario Sesti, presenti anche nel disco in uscita a settembre su CD, LP e Download per l’etichetta Specula Records.
Contemporaneamente agli impegni internazionali, Teho Teardo si esibirà a Roma (Villa Ada, Roma Incontra il Mondo) il 17 luglio e il 18 luglio a Fossombrone (PU) insieme a Elio Germano con una nuova versione de “Viaggio al termine della notte” e con altri suoi progetti il 6 agosto a Sterpo (UD) e il 7 agosto a Castiglione D’Orcia (SI).

Il Fogolâr Furlan d’Irlanda organizza per sabato 28 febbraio presso l’Istituto Italiano di Cultura di Dublino l’evento “Introduction to Friuli. Flavours and Traditions to discover. An introduction to the italian region of Friuli Venezia Giulia”.
L’evento del Fogolâr Furlan si aprirà alle 15 con il saluto dell’Ambasciatore italiano in Irlanda, Giovanni Adorni Braccesi Chiassi, e del Presidente dell’Ente Friuli nel Mondo Pietro Pittaro. A
seguire l’inaugurazione del “Folgolâr Furlan” verrà inaugurato con un workshop “Alla scoperta del cibo e del vino in Friuli”, tenuto da un rappresentante del Movimento Turismo del Vino FVG, seguito dall’esibizione dal vivo della cantante friulana Giulia Daici e dall’esposizione della mostra multimediale “Cartulinis dal Friul”, a cura della Società Filologica Friulana. A chiudere, una degustazione di formaggi, salumi e vini gentilmente offerti da aziende friulane.
 

Fogolâr Furlan

Lo scopo principale dell’associazione è quello di promuovere (in tutti i suoi aspetti) il Friuli in Irlanda, attraverso iniziative di tipo culturale, turistico, eno-gastronomico e di cooperazione economica. L’evento inaugurale del 28 febbraio è un po’ la sintesi di quello che vorremmo sviluppare, ma ci proponiamo anche di diventare il punto di riferimento per le persone e le aziende friulane che per qualsiasi motivo cerchino un punto di contatto in Irlanda. Siamo circa una ventina di persone residenti in Irlanda e provenienti dalle province di Udine, Pordenone e Gorizia. La maggior parte di noi lavora nel settore dei servizi e viviamo principalmente a Dublino, ma abbiamo qualche iscritto anche a Cork e Belfast.

Pagina facebook: https://www.facebook.com/fogolarfurlanirlanda
email: info@fogolarfurlanirlanda.com
Sito web (in costruzione): http://www.fogolarfurlanirlanda.com/

 

Altre risorse interessanti

Presentazione e degustazione di prodotti food & wine italiani ai buyer irlandesi.

La FIBI, Federation of Italian Business in Ireland in partnership con la Strive International Consulting Ltd , organizza “Tasting Italy in Dublin”, un tasting mirato ad importatori e buyer irlandesi.

Il 3 Dicembre 2014 a Dublino, presso il Pinocchio Restaurant, le aziende italiane incontreranno direttamente gli operatori economici irlandesi interessati a degustare ed eventualmente acquistare le loro eccellenze.

Tasting Italy in Dublin

 

Tasting Italy in Dublin

Il Made in Italy agroalimentare si presenta agli importatori Irish attraverso una iniziativa di tasting volta alla promozione delle tipicità italiane sul mercato irlandese. Lo scopo del progetto è quello di aprire uno sbocco in un mercato molto interessante per il food & wine come quello irlandese. Nell’ultimo anno le importazioni di prodotti agroalimentari sono cresciute del 9% con un fatturato totale del settore di circa 13 miliardi di euro e sono ancora in crescita.

Interessanti le prospettive di sviluppo: il consumatore irlandese è notevolmente attratto dalle produzioni agroalimentari Made in Italy; in molti casi sa già riconoscere i prodotti italiani e dimostra di apprezzare sempre di più la dieta mediterranea e l’Italian Cooking Style per i suoi indiscussi principi salutistici.

Le analisi dell´interscambio commerciale con l´Italia confermano questi aspetti: nell’ultimo anno le importazioni di prodotti alimentari dal nostro paese sono cresciute, in particolare quelle delle bevande e dei prodotti da forno.

Il food & wine Made in Italy è considerato di ottimo livello in generale e pieno di eccellenze per la tradizione millenaria e soprattutto la varietà di prodotti che si possono trovare di regione in regione cosa che manca in un’isola non molto grande come l’Irlanda.
Il progetto è strutturato sulla massima concretezza per ottenere come risultato immediato la promozione delle aziende, sviluppo di accordi commerciali con importatori e l’inserimento dei prodotti sul mercato irlandese.

La serata sarà interamente dedicata alla presentazione dei prodotti delle aziende partecipanti con la degustazione dei prodotti presentati. Le aziende avranno a disposizione uno spazio dedicato con schermo e proiettore per poter presentare durante la serata i prodotti, la storia, il territorio di provenienza delle aziende, i processi produttivi, le tradizioni storiche e le persone che lavorano in azienda.

L’evento è a numero chiuso, verranno invitati esclusivamente 40 operatori selezionati per permettere di raggiungere il massimo risultato.

Gli operatori che parteciperanno agli incontri diretti rientrano nelle seguenti categorie: Manager di Ristoranti, Chef, Floor Manager, Distributori Specializzati, Titolari di Negozi Gourmet, Wine shop, Delicatessen Shop, Catene di supermercati, Scuole di cucina, Strutture di catering.

 

Altre risorse interessanti

Irlandaonline © Copyright 2001-2023 | Tutti i diritti sono riservati