I Dublinesi la chiamano “the tart with a cart”, tradotto come la sgualdrina con la carriola. Molly è una pescivendola prostituta, che forse non è mai esistita secondo alcuni storici.

L’opera è stata realizzata da Jean Rynhart nel 1987 a Grafton Street, per commemorare i mille anni di vita della città.

La ragazza indossa abiti del XVII secolo, ma quel seno così ‘sporgente’ alimenta da anni una leggenda metropolitana che l’ha trasformata in pescivendola di giorno e prostituta di notte.

Queste informazioni non ti bastano? [highlight]Vista la sezione Molly Malone[/highlight]

[box style=”note”]Se hai una domanda alla quale non trovi risposta, contattaci![/box]

 

Altre risorse interessanti

Spesso ci chiedete: “Come si chiama la canzone che gli irlandesi cantano alla stadio”? Una volta per tutte abbiamo scelto di rispondere a una delle tante richieste ricevute dalla redazione di Irlandaonline.

La canzone che i tifosi irlandesi di rugby cantano allo stadio è l’inno ufficiale dei verdi del rugby. Si tratta di un brano commissionato dalla Federazione irlandese di Rugby Football Union, adottato anche dall’Hockey irlandese, dal Cricket e dalle squadre della Rugby League.

L’inno del quale stiamo parlando unisce l’intera isola d’Irlanda: ossia l’Irlanda del Nord e la Repubblica d’Irlanda. Una vera e propria melodia della pace.

 

Brano cantato allo stadio?

Se le informazioni che ti abbiamo appena suggerito non sono di tuo gradimento, allora ti invitiamo a visitare la sezione di riferimento. C’è un capitolo del nostro sito che argomenta in maniera esaustiva, come nasce Ireland’s Call.

Se questa spiegazione ti è bastata e vorresti porci delle altre domande, ti invitiamo a scriverci attraverso il modulo ufficiale del sito. Contattaci!

 

Altre risorse interessanti