A raccontarlo non ci crederebbe nessuno. Per fortuna c’è una telecamera a riprendere l’incredibile avventura di Aengus Meldon, durante la volata finale di una gara di atletica. Ci troviamo ad Athlone, in Irlanda.
Il corridore guida la testa del gruppo quando una barra elastica – catapultata in pista da un altro atleta impegnato nel salto con l’asta – avvolge il ragazzo.
Meldon prova a liberarsi dell’ostacolo, ma non c’è niente da fare. La corda gli resta incollata alle caviglie e gli fa perdere velocità.
 

Incredibile incidente in pista

Quando taglia il traguardo è soltanto terzo. Sfuma così la vittoria del giovane nella semifinale degli 800 metri dei campionati universitari. Anche il commentatore, incredulo, dichiara: “È stato attaccato da Spiderman!”

 

Altre risorse interessanti

Calda accoglienza per gli irlandesi arrivati all’aeroporto di Fiumicino in vista della seconda giornata del torneo Sei Nazioni 2017.
Aeroporti di Roma, in collaborazione con Aer Lingus, ha proposto un quintetto – 4 archi e un flauto traverso – che intonasse l’inno della Nazionale di Rugby irlandese, Ireland’s Call.
E così, al Leonardo da Vinci si è consumato un vero e proprio flash mob grazie al coinvolgimento dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

L’arrivo dei verdi

Una volta fuori dal gate E14, i verdi si sono ritrovati nella nuova area di imbarco: proprio dove il quintetto ha eseguito il loro inno. Domani la sfida con gli azzurri in programma alle 15.25 allo stadio Olimpico di Roma.

Formazione irlandese

15. Rob Kearney (UCD/Leinster) 73 caps, 14. Keith Earls (Young Munster/Munster) 55 caps, 13. Garry Ringrose (UCD/Leinster) 4 caps, 12. Robbie Henshaw (Buccaneers/Leinster) 25 caps, 11. Simon Zebo (Cork Constitution/Munster) 29 caps, 10. Paddy Jackson (Dungannon/Ulster) 20 caps, 9. Conor Murray (Garryowen/Munster) 54 caps, 8. Jamie Heaslip (Dublin University/Leinster) 92 caps vc, 7. Sean O’Brien (UCD/Leinster) 45 caps, 6. CJ Stander (Munster) 11 caps, 5. Devin Toner (Lansdowne/Leinster) 43 caps, 4. Donnacha Ryan (Shannon/Munster) 43 caps, 3. Tadhg Furlong (Clontarf/Leinster) 12 caps, 2. Rory Best (Banbridge/Ulster) 101 caps captain, 1. Cian Healy (Clontarf/Leinster) 63 caps.
A disposizione per gli irlandesi
16. Niall Scannell (Dolphin/Munster) uncapped, 17. Jack McGrath (St. Mary’s/Leinster) 37 caps, 18. John Ryan (Cork Constitution/Munster) 2 cap, 19. Ultan Dillane (Corinthians/Connacht) 9 caps, 20. Josh van der Flier (UCD/Leinster) 6 caps, 21. Kieran Marmion (Corinthians/Connacht) 9 caps, 22. Ian Keatley (Young Munster/Munster) 4 caps, 23. Craig Gilroy (Dungannon/Ulster) 9 caps.

Altre risorse interessanti

Imitato in Irlanda e nel mondo, Conor McGregor, lottatore di arti marziali miste irlandese, conosciuto con il nome di The Notorious, ha sorpreso due amici praticare street fighter per le strade di Dublino.

Un incontro che ha divertito molto i giovani appassionati, scandito da una reazione spontanea. Una sorpresa di Natale inaspettata, come spesso accade nella capitale irlandese.

Venerdì scorso a Dublino, due ragazzi stavano facendo i buffoni per strada cercando di impersonare Conor McGregor. Il siparietto è avvenuto nei pressi di Camden Street e mentre i due lodavano le gesta del loro beniamino The Notorious, ecco che un SUV scuro si affianca ad assistere allo scambio di colpi.

 

Conor McGregor sorprende i fan

A bordo del mezzo c’è il campione dei pesi leggeri UFC (Ultimate Fighting Championship), i due amici lo riconoscono: “È Conor McGregor!”. Partono i saluti pugno contro pugno e parole di incoraggiamento.

 

Altre risorse interessanti

Sta facendo il giro del mondo il video registrato alla Killard House School Choir che mostra il talento di Kaylee Rodgers, una bambina autistica di 10 anni, mentre canta la celebre ‘Hallelujah’ di Leonard Cohen.

Un omaggio al poeta canadese scomparso lo scorso novembre. Ci troviamo in Irlanda del Nord, nel salone della scuola, dove un’intera classe si esibisce in occasione del Natale.

Kaylee viene da Donaghadee, nella Contea di Down, è autistica e ha un deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Il canto la aiuta a trovare fiducia in se stessa.
 

L’Hallelujah di Coen

La National Autistic Society spiega che l’autismo da cui è affetta Kaylee le rende difficile qualunque tipo di interazione sociale, di comunicazione o anche solo di immaginazione. Il deficit di attenzione invece le provoca “comportamenti dirompenti, non appropriati all’età”. I bambini come lei non riescono a focalizzarsi su compiti specifici, mentre l’iperattività e l’impulsività provocano loro “sbalzi di umore e impaccio sociale”.

 

Altre risorse interessanti

Annunciata la candidatura formale dell’Irlanda come paese ospitante del Rugby World Cup 2023. A Dublino si è tenuta la presentazione ufficiale durante la quale è stato presentato un video che esalta le bellezze dell’isola e dello sport con la voce narrante dell’attore Liam Neeson.

L’isola parteciperà al processo di selezione come host per ospitare la Coppa del Mondo di Rugby 2023 in competizione con Sudafrica e Francia.

12 le sedi che potranno ospitare i match, tra le quali compare il Celtic Park a Derry, il Semple Stadium nella contea di Tipperary, l’Aviva Stadium di Dublino e naturalmente il Croke Park.

 

La candidatura irlandese

Il verdetto sarà annunciato a novembre 2017, considerando che il Sudafrica ha già ospitato la Coppa del Mondo di rugby nel 1995, quando gli Springboks batterono in finale la Nuova Zelanda 15 – 12 e la Francia è stato paese ospitante della finale del mondo del 2007 quando il Sudafrica si impose sull’Inghilterra 15-6.

 

Altre risorse interessanti

Robbie Keane lascia la nazionale irlandese di calcio dopo 146 partite e 68 reti.

Capitano dal 2006 al 2016, detiene sia il record come miglior marcatore (68) che per il maggior numero di presenze (146) ed ha partecipato a un mondiale (2002) e due europei (2012 e 2016).

Il campione se ne va con un ultimo gol, strepitoso: pallonetto al difensore e destro al volo durante un’amichevole contro l’Oman vinta per quattro reti dai verdi.

“È stato meraviglioso e un grande onore per me indossare la maglia dell’Irlanda per oltre diciotto anni. Da ragazzo che ha iniziato a giocare per le strade di Dublino mai avrei potuto immaginare di fare tutta questa strada. I miei compagni, lo staff tecnico, i dirigenti e i tifosi sono diventati la mia seconda famiglia”, scrive Robbie Keane.

 

In un video i gol più belli di Robbie Keane

 

Altre risorse interessanti

Il coro dei senzatetto di Cork potrebbe partecipare all’Eurovision 2017 che si svolgerà il prossimo anno in Ucraina.

Si tratta di un ensemble molto particolare, composta da persone senza fissa dimora, conosciuta in patria con il nome di High Hopes Choir.

Il gruppo guidato da David Brophy, direttore d’orchestra della tv pubblica irlandese RTÉ, ha già avuto modo di collaborare con diversi artisti internazionali. La loro fama li precede e al momento stanno lavorando con il musicista francese Fabrice Fortune.

“Noi non vogliamo essere una novità. Si tratta di uno sforzo sincero e abbiamo intenzione di lavorare duramente”, afferma un membro del coro. “Rappresentare il nostro paese sarebbe un privilegio, non solo per noi, ma per tutta l’Irlanda. Farebbe stare bene le persone senza fissa dimora, che si trovano in ogni rifugio e ostello d’Irlanda”, ha affermato Paul Deegan, che aggiunge: “Dormivo per le strade cercando di sopravvivere alla quotidianità. Quando si è senza casa devi essere costantemente all’erta…Vogliamo rendere il mondo un posto più inclusivo…La musica riesce ad abbattere le barriere tra le persone abbienti e i non abbienti”.

High Hopes Choir è già orgoglio degli irlandesi, dopo la loro splendida interpretazione del brano Ireland’s Call e dell’inno nazionale irlandese Amhrán na bhFiann davanti a migliaia di persone allo stadio Aviva di Dublino.

 

Altre risorse interessanti

Un grande calcio non può che passare attraverso dei grandi tifosi. E quelli irlandesi lo sono davvero. Dopo la ninna nanna cantata sul tram a un bambino francese, i supporter in maglia verde hanno stupito i tifosi azzurri durante lo scambio degli inni.

Con la lealtà che da sempre li contraddistingue, i supporter in maglia verde si sono alzati in piedi durante l’esecuzione dell’inno di Mameli.

Un gesto unico e raro, molto apprezzato fuori e dentro lo stadio.
 

Tifosi irlandesi in piedi durante Inno di Mameli

Dopo le ripetute violenze consumate nei giorni scorsi, gli irlandesi hanno dimostrato cos’è il fair play, caratteristica spesso attribuita al rugby e mai al calcio. Già alla vigilia della partita tra Italia e Irlanda, si percepiva il clima festoso tra le due tifoserie. Numerosi i gemellaggi, fatti di scambi di foto e ripetuti brindisi.

 

Altre risorse interessanti

Dopo la violenza di questi giorni a #Euro2016, sorprende questo video che arriva da Bordeaux.

I tifosi irlandesi intonano una ninna nanna a un bambino francese, che viaggia in tram protetto tra le braccia del papà.

Tutto si consuma in pochi minuti: il gruppo di supporter in maglia verde si trova sui mezzi francesi quando quando si accorge del bambino. Qualcuno sta sorseggiando una birra, altri fanno partire il coro, che in breve tempo si trasforma in un nobile gesto che ridà dignità alle tifoserie europee.

 

 

L’attesa della sfida contro l’Italia

Il tecnico dei verdi alla ricerca dei tre punti per regalare una gioia ai suoi tifosi: “Vincere per andare agli ottavi. I nostri fan meritano un premio, giocheremo per loro”. L’obiettivo è quello di ripetere l’impresa di 22 anni fa ai Mondiali del ’94, quando i verdi si imposero per 1-0 sull’Italia di Sacchi: “Sarebbe bello ripetere quella partita” dice il tecnico dell’Irlanda, Martin O’Neill.

 

Altre risorse interessanti

The Edge è la prima rock star a suonare nella Cappella Sistina. Il chitarrista degli U2 ha scelto alcuni brani della band e “If it be your will” di Leonard Cohen.

The Edge si è esibito tra gli affreschi di Leonardo eseguendo i brani “Yahweh”, “Ordinary love” e “Walk on”, seguiti dal brano di Leonard Cohen “If it be your will”.

Al suo fianco, anche un coro di sette adolescenti irlandesi.
 

 

Cappella Sistina

La Cappella Sistina, dedicata a Maria Assunta in Cielo, è la principale cappella del palazzo apostolico, nonché uno dei più famosi tesori culturali e artistici della Città del Vaticano, inserita nel percorso dei Musei Vaticani. Fu costruita tra il 1475 e il 1481, all’epoca di papa Sisto IV della Rovere, da cui prese il nome.

È conosciuta in tutto il mondo sia per essere il luogo nel quale si tengono il conclave e altre cerimonie ufficiali del Papa (in passato anche alcune incoronazioni papali), sia per essere decorata con una delle opere d’arte più conosciute e celebrate della civiltà artistica occidentale, gli affreschi di Michelangelo Buonarroti, che ricoprono la volta (1508-1512) e la parete di fondo (del Giudizio universale) sopra l’altare (1535-1541).

La Cappella Sistina è considerata forse la più completa e importante di quella «teologia visiva, che è stata chiamata Biblia pauperum». Le pareti inoltre conservano una serie di affreschi di alcuni dei più grandi artisti italiani della seconda metà del Quattrocento (Sandro Botticelli, Pietro Perugino, Pinturicchio, Domenico Ghirlandaio, Luca Signorelli, Piero di Cosimo e altri).

 

Altre risorse interessanti